perché dare gli omega 3 agli animali

Perché dare gli Omega 3 agli animali?

Gli Omega-3 sono acidi grassi benefici per l’organismo. Molto utilizzati sotto forma di integratori dalle persone e donne in gravidanza, hanno anche molti benefici sugli animali. Per esempio, io li davo a Fragolino, il micione-uomo della mia vita quando, per un certo periodo, aveva il pelo pieno di forfora. Gli ho dato le perle di Omega-3… et voilà, forfora scomparsa e pelo tornato brillante! Quindi, ecco perché dare gli Omega-3 agli animali.

Perché dare gli Omega-3 anche agli animali

Un corretto apporto di acidi grassi è importante per il miglioramento dello stato di salute in generale e per prevenire la comparsa di disturbi e malattie. Anche per gli animali. Infatti, gli acidi grassi essenziali, in particolare gli Omega-3 (acido linolenico e derivati) e gli Omega-6 (acido linoleico e derivati) sono sostanze che i mammiferi non possono sintetizzare, e che quindi devono essere assunti con la dieta. Gli Omega-6 sono solitamente di origine vegetale, mentre gli Omega-3 si trovano soprattutto nel pesce. Sono sostanze fondamentali perché costituiscono la componente lipidica delle membrane cellulare e una loro carenza  comporta conseguenze anche serie.

Cosa succede se non vengono assunti

Una loro carenza comporta sia nel cane sia nel gatto stentata crescita, letargia, dermatiti, mantello opaco, lipidosi epatica, aumento del rischio di infezioni. “Ecco perché vengono indicati in caso di dermatiti allergiche, ma anche di artropatie infiammatorie, ipertensione, iperlipemie, e come supporto nutrizionale in caso di malattie renali e tumorali – spiega Mauro Ferri, veterinario a Collegno, provincia di Torino, e GpCert in Animal Behaviour, ovvero esperto in scienze del comportamento animale -. A seconda del problema, possono essere più indicati gli Omega-3  o gli Omega-6, ma il più delle volte sono usati in miscela con determinati rapporti degli uni sugli altri“.

Occhio all’eccesso!

Allo stesso modo un loro eccesso può essere controproducente. “Se l’animale è predisposto, un eccesso può determinare pancreatici, ritardi nella cicatrizzazione delle ferite, coagulopatie, diarrea e alito con odore di pesce” tiene a precisare ancora il veterinario. Quindi il consiglio è sempre quello di usarli solo se necessario e su indicazione del veterinario.

perché dare gli omega 3 agli animali

Una miscela purissima di olio di calamaro e di pesce

Come consulente di Forever Living, multinazionale leader nella produzione di prodotti per il benessere sopratutto a base di Aloe Vera, ai miei pelosi, in caso di bisogno e dopo il parere del proprio veterinario di fiducia, propongo Forever Arctic Sea (il mio miglior cliente del prodotto è mio fratello, grande sportivo!). Arctic Sea, in softgels, contiene una miscela purissima di olio di calamaro e olio di pesce, che apporta un contenuto ottimale di Omega 3 e di DHA per ogni singola dose. Ha un gusto gradevole e le capsule sono facili da assumere. Ma come dare i softgels al micio? Basta bucare la perla con uno stuzzicadenti e poi spremergliela in bocca.

perché dare gli omega 3 agli animali

Fragolino

Ecco che cosa contiene Arctic Sea

Consigli di Maurizio Mariscoli, consulente industriale per il farmaco, procuratore presso il Ministero della salute per farmaci, cosmetici, dispositivi medici, integratori alimentari e veterinaria, consulente scientifico Forever Living Products Italy

Olio di pesce

E’ una fonte preziosa di acidi grassi Omega-3, cioè Epa, ovvero acido eicosapentaenoico (33%) e Dha, ovvero acido docosaesaenoico (22%). Si tratta di grassi che stimolano la circolazione del sangue, regolano i livelli di trigleceridi, hanno un’azione protettiva sul cuore e antinfiammatoria. Il Dha mantiene la normale funzione cerebrale e della capacità visiva. E’ inoltre prodotto secondo gli standard Gmp (buona pratica di fabbricazione) e Haccp (sicurezza alimentare) ed è molto biodisponibile (aumenta la sua biodisponibilità insieme all’olio di calamaro).

Olio di calamaro

Estratto con una recentissima tecnologia alimentare che lo mantiene intatto, esattamente come è in natura. Si assume solo con l’integrazione alimentare. Anche l’olio di calamaro è una fonte di acidi grassi Omega-3, cioè Epa, ovvero acido eicosapentaenoico (11%) e Dha, ovvero acido docosaesaenoico (38,5%).  E’ prodotto secondo gli standard Gmp (buona pratica di fabbricazione) e Ph Eu (farmacopea europea) ed è fortemente biodisponibile.

Olio di oliva

Fonte di acidi grassi Omega-9 come acido oleico (72%), antiossidante, protegge il sistema digerente, migliora il sistema cardiovascolare e controlla i livelli di colesterolo nel sangue. Prodotto secondo i regolamenti Fda (Food and Drug Administration), ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici.

Vitamina E

Liposolubile, antiossidante, aiuta il sistema immunitario a combattere i radicali liberi e stabilizza le membrane cellulari. Una carenza può determinare infezioni e danni alla retina. Prodotto secondo i regolamenti Fda, Eu, Japan.

Altri ingredienti

Aromi naturali (limone e arancio) e derivati del pesce (acciughe, salmone, merluzzo).

Arctic Sea costa 32,49 € (120 Softgels) e lo trovi qui

perché dare gli omega 3 agli animali

(Credit: Pixabay)

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Foto Cover: ©Flp

Lascia un commento