che lavoro si può fare a santo domingo

Che lavoro si può fare a Santo Domingo?

Molti mi scrivono e mi chiedono che lavoro si può fare a Santo Domingo. Purtroppo la crisi è mondiale, quindi coinvolge tutti i Paesi, anche quelli emergenti. Ecco comunque i consigli che mi sento di darti, anche in base alla mia esperienza.

Prima impara le lingue

Prima di pensare a quale lavoro puoi fare a Santo Domingo e prima di candidarti a qualche struttura turistica o azienda locale è bene che impari lo spagnolo e anche altre lingue come l’inglese e il francese, le più diffuse nell’isola. Ricordati anche di redigere il curriculum vitae nella lingua locale.

Non pensare di fare il dipendente

Scordati di fare il dipendente per due motivi:

  1. non c’è lavoro per i dominicani, figuriamoci per gli italiani;
  2. e se trovi un lavoro da dipendente hai lo stipendio governativo, ovvero una miseria. Se vuoi mantenere un minimo di standard italiano devi avere un buon stipendio, non meno di 1.500 euro al mese, che un lavoro da dipendente a Santo Domingo, appunto, non ti dà, a meno che non riesci per esempio a lavorare nel turismo con un contratto italiano con un tour operator.

Meglio aprire un’attività, ma valuta bene il mercato

Quindi è meglio aprire una attività. Ma anche aprire un’attività non è facile perché molte attività falliscono, chiudono dopo un paio di mesi per essenzialmente due fattori: il settore scelto è saturo (per esempio, troppi ristoranti) e non si avevano le competenze giuste. Quindi:

  1. scegli di fare l’imprenditore solo se hai un buono spirito per gli affari;
  2. fai un’accurata analisi di mercato e conquista fette di mercato non ancora sature. Non aprire un ristorante dove ce ne sono già mille;
  3. apri un’attività solo se hai un buon capitale da investire e che ti protegga almeno il primo anno quando i guadagni serviranno per coprire le spese;
  4. valuta bene la zona dove investire, perché non tutte le aree sono uguali;
  5. gli affitti nelle zone turistiche sono molto alti, quindi se puoi compera il locale; nel caso accertati che abbia il titolo di proprietà, cioè di provenienza;
  6. apri un’attività solo se hai le giuste competenze: non ti improvvisare per esempio cuoco se non hai mai cucinato un uovo in padella o farmacista se hai una laurea in Lingue;
  7. se, invece, vuoi rilevare un’attività già esistente fatti delle domande e informati bene: per esempio, perché l’attività si vende? Qual è il bilancio (chiedi magari documenti e contabilità)? Qual è il tipo di clientela? Ci sono lati oscuri?

Metti in conto la stagione bassa

La Repubblica Dominicana è un Paese che vive prevalentemente di turismo e il turismo è fatto di stagione alta e di stagione bassa. In pratica, si lavora molto nei mesi da dicembre ad aprile, quando ci sono più turisti. Il resto dell’anno, in particolare settembre, ottobre e novembre sono mesi morti, ovvero pressoché senza guadagni. Quindi in stagione alta dovresti essere in grado non solo di lavorare tanto ma anche di riuscire ad accantonare somme che poi possano compensare i mesi morti.

Considera la grande opportunità con l’Aloe Vera

A chi mi chiede che lavoro si può fare a Santo Domingo consiglio di considerare l’opportunità di lavoro con l’Aloe Vera, tra l’altro di una piantagione della Repubblica Dominicana. E’ un’attività di network marketing che si può iniziare e coltivare qua in Italia per poi continuarla in qualsiasi parte del mondo. E non richiede investimenti, solo l’uso della parola e il computer. Quindi è un’attività che puoi fare a Santo Domingo con i turisti, al computer con tutti i cittadini del mondo o con tutti i clienti già acquisiti in Italia.

Facebook: Daniela Larivei (e se vuoi metti Mi piace!)

Foto: © Quasarphoto – Fotolia.com