buoni propositi per il 2016

Tra i buoni propositi per il 2016, il ritorno in Repubblica Dominicana

Ho trascorso Natale e Capodanno a letto, complice l’intervento all’alluce valgo che ho pensato bene di fare il 21 dicembre. Sì, ho pensato bene. Perché il mio 2016, da fine gennaio, sarà intenso di impegni e prevederà, tra i buoni propositi per l’Anno Nuovo, anche il ritorno, per lavoro, in Repubblica Dominicana. Quindi ho preferito sacrificare le festività, perché da fine gennaio ho davvero tante  cose da fare. Poi tanto non avrei fatto nulla di particolare, durante le Feste, che oltretutto non mi  piacciono neanche così tanto; sarei stata a casa comunque. Quindi, sì, ho pensato bene.

Riflessioni a go-go

Il mio Natale e il mio Capodanno sono stati all’insegna della riflessione. E ancora una volta ho dovuto affrontare una prova. Un intervento. A casa da sola. Ma anche questa volta, prova superata brillantemente. In questo  periodo, per tutta una serie di vicissitudini, mi  sono trovata costretta a fare un  bilancio di fine anno soprattutto affettivo: ho depennato vecchie amicizie, ne ho  inserite di nuove, e ne ho confermate alcune. Ho riflettuto molto. Ho pensato. Mi sono chiesta tanti perché. Ma sopratutto ho progettato e sognato tanto  il mio futuro. E mi ha sorpreso molto prendere atto che, una volta rientrata in Italia, si  sono aperte invece molte opportunità lavorative con la Repubblica Dominicana con grandi  professionisti. Mi  chiedo  perché  non sia successo  prima. Niente succede per caso. E sono anche arrivata alla conclusione che non bisogna permettere mai a nessuno di toglierti il sorriso. Di prosciugarti energie. Di inficiare la tua dignità. Sia la Bibbia sia il Corano affermano lo stesso concetto: “Dietro ad apparenti disgrazie possono nascondersi grandi gioie”.

Alcune perdite affettive…

Il mio 2015 si è concluso con alcune perdite affettive: la fine di una relazione, la morte di Fragolino, il mio gattone, la fine di una amicizia che pensavo importante, di  nuovo un distacco da mia sorella (ma questo è nella norma, poi ci sarà sicuramente un riattacco). E tutto nell’arco di tre mesi. Ma  nulla succede per caso. Un giorno dissi a una amica che se  non avessi  avuto Fragolino sarei già ripartita. Fragolino era un gatto intelligente, l’unico che mi abbia sempre capito in questi ultimi sedici anni. Sapeva che  volevo ripartire e che fino a quando ci sarebbe stato lui non l’avrei fatto, perché era troppo anziano per essere di nuovo sballottato tra una cabina dell’aereo e l’altra. E’ stato un gran signore anche in questo. E ha fatto fuori, a modo suo, anche il mio ex compagno, dominicano, che ho messo alla porta, facendomi capire che era un amore sbagliato. Ha fatto prima  il suo dovere e poi con estrema classe è partito per il suo viaggio senza ritorno. Poi è finita anche una amicizia con una amica con cui ho condiviso letteralmente le mutande, e che è stata una grande compagna di viaggio. Dico sempre, e credo profondamente, che si sbaglia sempre in due, non fosse altro perché la comunicazione non è mai univoca: c’è sempre qualcuno che parla e qualcuno che ascolta, e viceversa. E solo  se tutti ammettono  i propri  errori  l’amicizia può essere recuperata. Altrimenti, credo che quando le relazioni finiscono è perché non sono semplicemente mai esistite.

… ma importanti nuovi ingressi

Non credo ci sia un anno perfetto. Ogni fine anno si dice sempre che il nuovo anno sia migliore, sereno, ricco in tutto eccetera eccetera eccetera. Ma perché, l’anno che si conclude deve essere stato per forza negativo? Su Facebook solo una amicizia ha scritto che spera che il 2016 sia come il 2015. La vita è fatta di perdite e di conquiste. Ogni anno. Alla fine del 2015 come ho scritto ho avuto importanti perdite affettive. Ma in generale ho aperto il  cuore anche a tanti nuovi ingressi, umani e lavorativi. Ho intrapreso importanti collaborazioni con la Repubblica Dominicana (ne parlerò in un post  a parte, perché merita un post a parte) e proprio il giorno prima di Capodanno ho ricevuto un’altra interessante, ma davvero interessante, proposta di collaborazione con l’isola del sorriso. Impegni che prevederanno un mio  ritorno in Repubblica Dominicana, non  per viverci ma per lavorare qualche mese – anche perché io amo Milano, ci devo essere, stare – a partire dal 6 marzo per il viaggio che ho organizzato per Evolution Travel alla scoperta del paradiso ecologico e  delle opportunità lavorative offerte dall’isola.

Via il passato

Piede permettendo, ho fatto pulizia mentale e fisica del passato: via le persone negative, spazio a quelle positive, e soprattutto ai miei pari, a quelle persone che sono sulla mia stessa lunghezza d’onda in tutto e per tutto e che non mi prosciugano inutilmente energie. Ho cancellato contatti inutili, pulito l’hard disk da foto altrettanto inutili, buttato via ricordi, oggetti e regali legati a persone che nella mia vita non ci sono più. La soddisfazione è arrivata anche dal mio vicino di casa che mi ha portato la ricetta dei farmaci per l’intervento all’alluce valgo: “Cosa hai fatto nella tua casa? Hai buttato via tante cose! E’ una casa diversa!”. Certo, casa diversa, vita diversa.

Basta fumo e via libera allo sport

Ho smesso di fumare dal giorno dell’intervento. E’ stato uno dei miei nuovi e primi propositi per il 2016. Quando l’ortopedico mi disse che per fumare sette sigarette al  giorno potevo tranquillamente smettere, ho deciso in quel  momento che avrei smesso. Smettere di fumare è anche segno di forza interiore. In un momento come questo in cui devo avere tanta forza interiore, smettere di fumare è solo un bel grande esercizio. Poi, non appena mi rimetto con il piede, via libera allo sport. Ho voglia di correre.

In breve, per il 2016 voglio:

  1. Condividere la mia esistenza con persone positive
  2. Stare in mezzo ai miei pari
  3. Viaggiare tantissimo
  4. Continuare a fare i lavori che adoro
  5. Riprendere il nuoto e la corsa
  6. Prendermi tantissimo cura di me stessa
  7. Continuare a portare nel  cuore le persone che amo
  8. Fare ancora nuova amicizie
  9. Non dare a nessuno il potere di farmi del male
  10. Non riprendere a fumare
  11. Continuare a credere nell’amore
  12. Liberarmi del passato
  13. Finire il mio romanzo sulla Repubblica Dominicana
  14. Mangiare bene
  15. Non smettere mai di sognare

P.s. Scrivi anche te i tuoi propositi, i tuoi obiettivi, i tuoi sogni. Se li fissi si realizzano! Buon 2016!

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Informazioni su viaggi: santodomingoforever@danielalarivei.com

Foto: © Marek – Fotolia.com

Lascia un commento