come creare un blog aziendale di successo

Come creare un blog aziendale di successo

Come creare un blog aziendale di successo? Se sei un brand, lavori in un’azienda o sei un libero professionista, di sicuro te lo sei già chiesto mille volte. Ne hanno parlato Giulia Marchesan e Fabio Sonce, fondatori di bambinoconlavaligia.com durante la fiera Smau 2017 che si è tenuta a Milano il 24-25-26 ottobre. Il blogging  aziendale serve per raccontare in modo diverso l’azienda e per vendere servizi. Ne avevo già parlato anche nel mio post Così guadagno con il mio blog di viaggi.

Blog aziendale: cos’è

Il blog nasce come diario online e come ogni diario racconta una storia con lo stile del racconto attraverso testi, immagini e video. Ogni blog ha molto di personale anche quando racconta un’azienda ed è realizzato sempre da uno o più autori reali. E generalmente sul blog, a differenza di quanto accade nei siti istituzionali, “ci si mette la faccia”.

Un blog aziendale è un metodo di comunicazione efficace e serve per vendere appunto servizi. E un blog di successo per un’azienda è uno strumento che converte il visitatore in cliente indipendentemente dai numeri che genera. Questo succede se si crea fiducia nel lettore, se il lettore percepisce la qualità dei prodotti/servizi, se il lettore si riconosce nell’azienda.

Per la legge n. 62 del 7 marzo 2001 “Nuove norme sull’editoria e sui prodotti editoriali” i siti web che non sono diffusi con periodicità non sono soggetti all’obbligo dell’iscrizione nel registro della stampa.

Perché un’azienda deve avere un blog

Un’azienda, piccola o grande, dovrebbe avere un blog per:

  • raccontare l’azienda con un linguaggio più diretto alle persone,
  • promuovere i prodotti in modo meno istituzionale,
  • raggiungere nuovi clienti e costruire una community intorno al brand,
  • aumentare le conversioni: ovvero convertire il lettore in potenziale cliente indipendentemente dai numeri,
  • creare empatia con il lettore,
  • lavorare maggiormente sull’email marketing, se sono i clienti ad iscriversi, inviando loro contenuti che non trovano sul blog,
  • fare customer care: il cliente che ha un problema trova direttamente la risposta/soluzione sul blog, anche attraverso i commenti lasciati dagli utenti,
  • oltrepassare le barriere fisiche perché si parla a tutto il mondo,
  • non dipendere dai media e questo vale soprattutto per le piccole e medie imprese che non hanno un  ufficio stampa, quindi il blog può essere un piccolo media personale dell’azienda. E’ cioè uno spazio per raccontarti di cui si rimarrà sempre proprietari.

Limiti di un blog aziendale

Un blog aziendale quindi può portare tanti vantaggi a un’azienda. Ma ha anche dei limiti. Bisogna mettere in conto che nel momento in cui si apre un blog aziendale ci si espone, nel bene e nel male, e che non è facile acquisire la fiducia dei lettori. Inoltre, un blog aziendale è un impegno aggiuntivo, in soldi o tempo. L’investimento per un blog aziendale dipende da diversi fattori. In linea generale, tra dominio, hosting, wifi, tema wordpress, impostazione iniziale e redazione di post con Seo e foto, il costo è di circa 5.000 euro l’anno per un post la settimana. Però ricorda: un blog, a differenza dei social, è per sempre e tuo!

Tecniche per creare un blog aziendale che funzioni

Prima di pensare a come creare un blog aziendale di successo devi tenere conto di semplici ma importanti indicazioni. Innanzitutto, devi fare un’analisi e individuare il tuo target e la tua nicchia di riferimento. Poi ricorda che:

  • il logo e la grafica non sono importanti, i contenuti sì,
  • devi essere costante nella pubblicazione: se hai deciso di pubblicare una volta la settimana devi cercare di mantenere questo ritmo; per esempio, è inutile se non penalizzante pubblicare tre volte la settimana all’inizio e poi non pubblicare per tre mesi,
  • devi mantenere e incentivare l’interazione,
  • devi pubblicare contenuti utili,
  • bisogna scrivere per il lettore e non per il brand,
  • è importante inviare periodicamente newsletter.

Racconta il tuo brand in modo emozionale

Nel blog aziendale bisogna raccontarsi in maniera personale e diretta e non istituzionale. E’ fondamentale descrivere in modo emozionale la propria azienda e i propri strumenti. In questo modo si dà credibilità a quello che si racconta e allo stesso tempo si evidenzia la professionalità. E si permette ai follower di rispecchiarsi.

Come far crescere i follower

Devi lavorare su Seo e indicizzazione, spingere all’iscrizione al blog, rimanere su toni neutri anche con gli haters, rispondere sempre a chi ti scrive, e sfruttare i social media che possono amplificare il messaggio del blog.

Tenendo conto che ci vuole minimo un anno di tempo per vedere risultati, è importante poi che misuri il successo del tuo blog aziendale con Google Analytics, Jetpack se usi wordpress (vivamente consigliato) e Bitly.it

Esempi di blog aziendale di successo sono www.dersutmagazine.it, www.otticodelweb.it, blog.ryanair.com/it, www.taffo.it, www.esteticacinica.it

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Foto: © Smau Milano 2017

Lascia un commento