professioni del futuro

Le professioni del futuro riguardano anche le palme

Saranno proprio le professioni del futuro (leggi anche Le nuove professioni per lavorare ovunque e in autonomia) a far uscire dalla crisi e che entro il 2025 faranno tornare positivo il saldo occupazionale italiano: è quello che prevede InTribe, società specializzata nello studio di nuovi trend che aiutano le imprese a competere e che è stato presentato giovedì scorso, 23 marzo, in occasione del convegno “Le professioni del futuro” alla Confcommercio di Milano. Le professioni del futuro hanno una ricaduta mondiale. Ma non bisogna vederle come un rischio ma una opportunità: potrai essere un nomade digitale e lavorare felicemente sotto le palme e davanti a un fantastico mare caraibico.

Più di 100 le professioni del futuro

Più di cento sono infatti le professioni del futuro, tra digitalizzazione e sostenibilità. Alcune professioni attuali sono destinate a scomparire gradualmente, soppiantate da servizi digitali, robotica e macchine dotate di intelligenza artificiale; tutto ciò implicherà un nuovo approccio al mondo del lavoro e, ancor di più, a tutto quel mondo legato a formazione, educazione e sviluppo delle competenze.

I settori in forte crescita

Secondo le previsioni di InTribe, il potenziale di crescita di posti di lavoro in ambito Ict, comunicazione, servizi, green economy, turismo e formazione è enorme. Le professioni del futuro saranno molto più interessanti rispetto ai lavori che si stanno cedendo alle macchine, anche se in molti non sono pronti ad affrontare i nuovi scenari lavorativi che stanno già cominciando a delinearsi in questi anni.

Competenze di alto profilo e specifiche

Un dato interessante rilevato durante l’indagine di InTribe riguarda le competenze richieste, che saranno sempre più specifiche e di alto profilo. La specializzazione e, e sarà, imprescindibile sia sul campo, sia attraverso corsi di aggiornamento. In questo modo si potrà essere competitivi e fare la differenza sul mercato.
Più in generale, nel mercato europeo ci sarà un graduale spostamento verso l’alto: in pratica tenderanno a ridursi i mestieri di basso profilo, molti dei quali verranno svolti sempre più da remoto e in altri Stati (come già accaduto nel primo decennio del terzo millennio con la delocalizzazione dei call center).

Indispensabile essere Digital

La mancanza di competenze specifiche e avanzate ha generato il fenomeno, che si è affermato soprattutto nell’istruzione italiana, denominato Digital Mismatch: le persone in cerca di lavoro spesso non sono in grado di rispondere ai requisiti e alle competenze tecnologiche e digitali sempre più necessarie alle aziende. Questo dato è ancora più significativo, se si pensa che la necessità di competenze digitali sarà indispensabile per quasi tutti i posti di lavoro. E in tutto il mondo.

Hai mai pensato all’Affiliate Marketing?

Una delle nuove professioni del futuro è senz’altro l’Affiliate Marketing, grazie al quale  è possibile lavorare in qualsiasi parte del mondo (Affiliate Marketing. Tutta la verità sull’Advertising che funziona, Giannicola Montesano, Hoepli: lo trovi su Amazon.it)

professioni del futuro

Ecco alcuni preziosi consigli dell’autore se vuoi lavorare all’estero o con i mercati esteri:

  1. per lavorare all’estero è necessario avere una buona padronanza della lingua inglese, meglio sia scritta che parlata, perché soprattutto in fase di iscrizione i network di affiliazione esteri sono molto selettivi;
  2. per acquisire il linguaggio particolare della nicchia cui ci si rivolge può aiutare leggere le conversazioni su forum o gli scambi di opinione nei gruppi su Facebook. Imparare il “gergo” della nicchia significa acquisire un vantaggio importante nella comunicazione, poiché il visitatore si percepirà in dialogo con un suo simile e sarà così più semplice che possa fidarsi;
  3. non utilizzare troppi punti esclamativi (!!!) per rafforzare un concetto, per alcuni utenti potrebbe infondere senso di disonestà;
  4. non scrivere in maiuscolo, neanche il sottotitolo. Scrivere in maiuscolo su internet equivale a urlare e l’utente rifugge chi gli urla contro;
  5. utilizza testimonianze, vere. Al momento di compiere un’azione le persone solitamente guardano cosa hanno fatto gli altri prima. Basti pensare, a tal proposito, all’importanza delle testimonianze nelle landing page, per cui se si trovano personaggi famosi o autorevoli oppure semplicemente persone conosciute come testimonial si è più predisposti all’azione, perché conoscere chi sta parlando infonde fiducia e comunica la percezione di sentirsi su un terreno solido. Se non si hanno testimonianze reali è meglio non averne anziché inserire testimonianze false e quindi spesso non veritiere, perché il potenziale cliente potrebbe percepire la pagina come ingannevole.

All’estero va forte Facebook Ads?

L’autore di “Affiliate Marketing. Tutta la verità sull’advertising che funziona” precisa che una fonte di traffico molto utilizzata all’estero è Facebook Ads, ma non l’unica. Pertanto, è fondamentale imparare a utilizzare la conoscenza degli usi e dei costumi del Paese prima di intraprendere un progetto lavorativo all’estero. Non solo per conoscere la lingua, ma gli utenti a cui ci si rivolge. L’utente tedesco è diverso dall’utente australiano, che a sua volta è diversissimo dall’utente italiano. Ogni utente si differenzia da ogni altro di diversa nazionalità non solo per il modo di esprimersi e i modi di fare, ma perché è culturalmente diverso (gli spagnoli e i sud americani per esempio sono più attratti da concorsi e lotterie gratuite).

Anche l’eCommerce è approdato a Santo Domingo

Le professioni del futuro riguardano tutto il mondo, non soltanto l’Italia. Se si pensa di sfuggire ai grandi cambiamenti che si stanno vivendo, trasferendosi all’estero su una spiaggia caraibica per aprire un chiringuito (leggi anche Fai web marketing e non un chiringuito sulla playa!), è fuori strada.
Per esempio, il commercio elettronico (eCommerce) è approdato anche in Repubblica Dominicana ed è regolato dalla legge n. 126-02 “Comercio Electrónico, documentos y firmas digitales”. Altre leggi complementari sono la 310-14, che regola l’invio delle comunicazioni commerciali non richieste e/o spam, e la legge 53-07 contro i crimini e i delitti di alta tecnologia.
Leggi anche Lavorare in e con la Repubblica Dominicana  per sapere le altre leggi dominicane a favore degli investitori

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Informazioni su viaggi: santodomingoforever@danielalarivei.com

Foto: © puhhha – Fotolia.com