foresting ovvero cane con uomo nel bosco

Foresting: conoscere il cane, il bosco e se stessi!

Il Foresting è una nuova disciplina (www.foresting.it), al momento praticabile solo a Roma, ha come obiettivo conoscere la natura e migliorare il rapporto con il proprio cane attraverso escursioni nel bosco. Non solo. Anche arricchirti di energia per affrontare meglio la quotidianità, e conoscere meglio la natura e con il proprio cane.

Il bosco: un mondo parallelo che manda segnali

“A pochi chilometri dalle nostre città c’è un mondo che ormai non conosciamo più, un mondo parallelo con le sue dimensioni e le sue regole. Ma non abbiamo perso del tutto la capacità di viverlo, è solo sopita, nascosta profondamente dentro di noi ” sostiene Maurizio Maggiorotti,  ideatore della disciplina Foresting . “Al contrario, il nostro cane possiede intatto il suo istinto di viverla e appena ne ha la possibilità vi si immerge e ci comunica con entusiasmo le sue sensazioni, mandandoci segnali chiari che purtroppo difficilmente interpretiamo –  aggiunge Mario Castellani co-fondatore dell’Associazione Foresting -.  Per questo è nata la disciplina Foresting, la chiave per conoscere il proprio cane e se stessi, interpretando e vivendo il bosco”.

Sulle tracce di animali selvatici, fiori e piante

Caprioli, lupi, tassi e cinghiali, alberi secolari, fiori e piante… ogni bosco ha la propria bellezza da godere, purché si abbiano gli strumenti per coglierne i particolari, scoprire i dettagli, capirne i significati. Le guide esperte e gli istruttori di Foresting, che conoscono alla perfezione il bosco e i suoi abitanti, aiuteranno i partecipanti a scoprire le tracce degli animali selvatici, a  cogliere i loro movimenti e le loro abitudini, a decodificare i loro atteggiamenti e persino a capire il loro stato di salute. Insegneranno a osservarli da vicino nel loro ambiente naturale, senza disturbarli.

Come e perché è nata la disciplina

Ecco come e perché è nata questa disciplina. “Era una mattina d’inverno e la campagna era ancora affogata nella nebbia – racconta l’ideatore di Foresting – quando iniziai la prima escursione nel bosco con il mio cane e Antonio, caro amico e grandissima guida. Il mio cane al guinzaglio tirava e si fermava ad annusare insistentemente un punto preciso, senza che io riuscissi ad intravedervi alcunché. Poi riprendeva il suo cammino seguendo delle impronte, anche Antonio in silenzio si soffermava ad osservare le stesse tracce con uguale interesse.  Avevo la sensazione che tutti sapessero qualcosa che ignoravo. Ed effettivamente era così. Avevano individuato le tracce di un lupo che seguiva una femmina di cinghiale gravida. Tutti parlavano una lingua che non conoscevo e di colpo mi resi conto di non avere gli strumenti per comprendere i segnali che il mio cane mi mandava. Ero entusiasta ma allo stesso tempo consapevole della mia ignoranza: come si capiva che quelle orme erano di un lupo e quelle di una femmina di cinghiale, addirittura gravida? E ancora, qual era il nome di quell’albero e perché proprio quell’arbusto forniva il cibo ai caprioli? Quante domande su di me, sul cane, sul bosco e sul nostro rapporto con la natura… Non avrei mai immaginato che una escursione nel bosco potesse divenire il punto di partenza per un cammino verso la conoscenza di sé, del proprio cane e della natura che ci circonda. Per questo, noi dell’associazione Foresting crediamo sia arrivato il momento di condividere queste esperienze e dare a chi lo desidera  le chiavi del bosco”.

2 tipi di escursioni Foresting

Con le guide e gli istruttori di Foresting , in grado di applicare le più evolute conoscenze del settore con elevati standard di sicurezza, si scoprirà il bosco, attraverso un percorso divertente e formativo e insieme al proprio cane. Trekking, orientering, bushcraft e survival, animal tracking, obedience e nose working integreranno l’esperienza e insegneranno a vivere il bosco, a conoscere i suoi abitanti e a interpretare i segnali che i fedeli amici manderanno.

Esistono due tipologie di escursioni Foresting:

  • Experience: per i principianti, è un’attività fisicamente poco impegnativa, con una forte componente ludica per l’uomo e per il cane. Insieme al cane, andrai alla scoperta del mondo affascinante e misterioso del bosco e dei suoi abitanti;
  • Advanced: possono partecipare le persone brevettate Foresting Experience e i cani, in ottima salute. Si svolgeranno lungo percorsi più lunghi e impegnativi  durante i quali le guide Foresting approfondiranno i temi affrontati durante le escursioni Experience e condurranno i partecipanti alla ricerca delle tracce e della presenza dei selvatici con il cane condotto tramite una lunghina di 10 metri.

Può diventare una professione!

In un momento storico in cui il lavoro manca un po’ per tutti, proprio il ritorno alla natura può costituire una interessante opportunità professionale. Il Foresting è una disciplina che si può apprendere e trasformare in un lavoro. È previsto un percorso formativo suddiviso in tre diversi livelli, basato sia sull’esperienza sul campo sia sulla teoria, cui si aggiungono le singole escursioni aperte a tutti, finalizzate a vivere il bosco giorno per giorno in ambienti e situazioni sempre diverse, come è sempre diverso ogni giorno il bosco.

Tre sono infatti le qualifiche che si possono conseguire:

  • Experience: è il livello base e vi si accede dopo aver partecipato ad almeno 5 escursioni Experience;
  • Advanced: è il secondo livello e vi si accede dopo aver conseguito il brevetto Experience ed aver partecipato ad almeno 10 escursioni (tra Experience e Advanced);
  • Expert: è il terzo livello, quello più alto, per diventare finalmente un vero esperto, essere autonomo, avere le “chiavi” del bosco.

Corsi monotematici per tutti

Se vuoi invece fare divertenti e piacevoli escursioni senza pensare a diventare un professionista in materia, puoi fare i corsi monotematici che ruotano attorno ai tre grandi pilastri della disciplina:  il cane, l’uomo, il bosco. Ecco quali sono:

  • Conduzione del cane: due corsi teorici/pratici che consentiranno di gestire correttamente il lavoro del cane nel bosco, attraverso i principi di obbedienza e/o di lavoro su traccia;
  • Outdoor management: quattro corsi che mirano a offrire le tecniche per muoversi con sicurezza e in autonomia nel bosco. Si approfondiranno i principi dell’orientamento, della meteorologia, del primo soccorso umano e veterinario e della sopravvivenza 3.0,  cioè sfruttando la moderna tecnologia normalmente in nostro possesso;
  • Habitat del bosco: quattro corsi che mirano a fornire approfondite conoscenze delle principali piante erbacee ed arboree e delle caratteristiche fondamentali degli animali del bosco, approfondendo vita, abitudini e comportamenti. Sia la teoria sia la pratica si svilupperanno sul campo.

Non abbandonare il tuo amico a 4 zampe

Si stanno avvicinando le vacanze di Natale, se hai un cane non lo abbandonare! Molte strutture turistiche oramai sono pet friendly (leggi il mio post Dove fare  le vacanze con cane e gatto in Italia e all’estero), in alternativa contatta me, pet sitter super stellata! (leggi il mio profilo, la mia intervista, il mio articolo su Vanityfair.it).

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Foto: © Associazione Foresting

Lascia un commento