vigneto ocoa bay

Ocoa Bay: vigneto di qualità, ecoresort e tour enogastronomici

L’equazione Repubblica Dominicana uguale droga, sesso e rock’n roll potrebbe un giorno (per fortuna) annullarsi. Già. Perché le conferme che il Paese ha molte altre potenzialità sono praticamente all’ordine del giorno. L’ultima: avere il primo vigneto di vino di altissima qualità dei Caraibi (oltre al fatto che la cucina creola dominicana è la migliore dei Caraibi). Il progetto si chiama Ocoa Bay e, oltre a comprendere il vigneto, prevede anche un eco-resort con fantastici tour enogastronomici. E non solo… A dimostrazione che anche l’ecoturismo in Repubblica Dominicana è in pieno sviluppo (leggi Bit 2017 punta su vacanze alternative in Repubblica Dominicana).

Un progetto diventato realtà

Avevo sentito parlare di Ocoa Bay, in Repubblica Dominicana, il primo vigneto dei Caraibi, durante il convegno organizzato lo scorso 22 aprile a Lucca dalla Camera di commercio Italia Repubblica Dominicana Cuba, dove si è parlato delle opportunità di business nell’isola. Al convegno avevano partecipato, tra gli altri, Giulio Frediani, presidente Camera di commercio Italia Repubblica Dominicana, Gina D’Alessandro Ricart, ministro consigliere incaricato d’Affari dell’Ambasciata della Repubblica Dominicana in Italia, e Joanny Maria Luna Cacceres, Primo Segretario dell’Ambasciata Dominicana in Italia e responsabile del Cei Rd. Ora invece è arrivata la conferma che questo progetto è proprio realtà e regala punti a un Paese che oltre al turismo di massa dimostra di avere tante potenzialità.

Ocoa Bay: il primo vigneto dei Caraibi

Ocoa Bay è il primo vigneto dei Caraibi ma anche un progetto eco-sostenibile che ha come obiettivo la conservazione delle piante endemiche e la protezione della barriera corallina e delle specie animali marine. La baia è un’area ancora incontaminata nel paese.  Le scarse precipitazioni, l’alta percentuale di giornate soleggiate, il clima mite e ventilato, la scarsa umidità, il mare calmo ideale per gli sport acquatici la rendono infatti un luogo perfetto tutto l’anno per una vacanza in totale relax.

Un vino davvero speciale

Ocoa Bay si trova appunto nella suggestiva baia di Ocoa, a sud dell’isola, area incontaminata collocata tra mare e montagna nella zona di Azua e Baní. Io sono stata sia ad Azua sia a Baní e le trovo meravigliose, e sono zone dove alcuni imprenditori italiani hanno messo le basi delle loro attività. Il vigneto è appunto il primo dei Caraibi e produce vino di altissima qualità. Un vino speciale, nelle versioni bianco, rosso e rosé, dove si possono ritrovare i profumi delle piante e del mare e che per il momento soddisfa una produzione interna.

ocoa bay

Numerosi vitigni

Grazie anche al lavoro di un rinomato enologo spagnolo coinvolto nel progetto, sono numerosi i vitigni adattati con successo a Ocoa Bay: French Colombard, Cabernet Sauvignon, Tempranillo, Moscato de Hamburgo, Italia, Malvasía, Montepulciano, Alfonso Lavallée, Passerina, Syrah, Rebo, Cannonau di Sardegna, Cabernet Sauvignon, Sauvignon Blanc, Xarel-ló, Red Globe, Misiones e Senso.

Un’idea di un noto architetto dominicano

L’impresa promotrice di Ocoa Bay è la Gora Kardan Investment mentre l’idea appartiene a un noto architetto dominicano, Gabriel Acevedo, che ha creduto fortemente nel progetto del vigneto sperimentale. L’architetto era infatti convinto che la vite potesse crescere anche sotto il sole caldo dei Caraibi, forte anche del fatto che Ocoa Bay è stato il luogo in cui i conquistatori spagnoli crearono i primi vigneti d’America e da dove poi questa coltura si è diffusa per tutto il continente.

Tour enogastronomici da favola

ocoa bay

Fa parte del progetto Ocoa Bay anche un eco-resort, un complesso agrituristico sostenibile e primo grande investimento in quest’area incontaminata tra Azua e Baní. Al momento è possibile fare tour enogastronomici guidati nel vigneto accompagnati da musica classica, degustazioni di vini, tasting nel ristorante vista mare che propone una cucina a km zero a base di pesce fresco e ortaggi della zona, e abbandonarsi al relax nella piscina a sfioro con vista sulla baia.

Inoltre, è possibile partecipare alla vendemmia, a numerosi seminari e a eventi a tema in un luogo da sogno. Nel futuro sono previsti anche un hotel-boutique, club-house, altri ristoranti, saloni per conferenze, ville private e numerosi servizi turistici.

Prenota i tour enogastronomici in Ocoa Bay con me! E’ possibile personalizzare anche il tour aggiungendo per esempio la visita alle saline. Basta che mi scrivi qui: travel@danielalarivei.com o compili il modulo qui sotto!

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Informazioni su viaggi: santodomingoforever@danielalarivei.com

Leggi anche il mio blog su Vanityfair.it: nontornopiu.vanityfair.it

Foto: ©Repubblica Dominicana Ministero del turismo

Lascia un commento