ricette dominicane

Bocconcini di carne di vitello alla creola

La carne è uno degli alimenti principali dell’alimentazione dominicana, insieme al riso. Viene cucinata in diversi modi, ma alla creola è secondo me la più gustosa. E non è difficile prepararla. Ho imparato a cucinare alla creola perfino io, che sono negata in cucina, unendo però un po’ di cucina italiana. Come in questa sfiziosa ricetta di bocconcini di carne di vitello alla creola.

Proteine di qualità

La carne, sia bianca sia rossa è ricca di proteine, elementi essenziali per la costruzione e il mantenimento di tutte le cellule, per le mucose e per i muscoli, tanto che le proteine vengono definite i “mattoni” dell’organismo. Le proteine della carne, come quelle del pesce, delle uova e del latte e derivati, sono ad alto valore biologico e per questo sono dette nobili. Contengono, infatti, tutti gli aminoacidi compresi quelli essenziali che l’organismo non è in grado di produrre da solo in quantità adeguate ai propri bisogni, ma che deve introdurre attraverso la dieta.

Tanto ferro, ma anche grassi saturi

Oltre alle proteine, la carne, soprattutto rossa, contiene ferro, un minerale essenziale per la formazione dei globuli rossi e per il funzionamento del sistema nervoso. Ma anche vitamine, soprattutto la vitamina B12, che si trova solo nei prodotti animali, specie appunto carne e pesce, e protegge il tessuto nervoso e aiuta la produzione di globuli rossi. La carne però contiene anche grassi saturi che, se assunti in quantità eccessive, possono essere nocivi alla salute.

Bocconcini di carne di vitello alla creola

Ingredienti (per due persone):

  • mezzo chilo di bocconcini di vitello,
  • mezzo peperone,
  • 4 cucchiai di salsa passata,
  • un dado di gallina,
  • mezzo limone spremuto,
  • due spicchi di aglio,
  • mezza cipolla,
  • origano, pepe, sale q.b.
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • un cucchiaio di aceto di vino bianco
  • un cucchiaio di zucchero di canna

Preparazione:

sciacqua la carne, mettila in una ciotola capiente, e spruzzala con il limone. Fai un trito crudo con due spicchi di aglio, un cucchiaio raso di sale, origano e aggiungi un cucchiaio di acqua. Versa il tutto sulla carne. In una pentola, metti 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva e aggiungi un cucchiaio di zucchero di canna. Quando lo zucchero si è scurito (attenzione a non farlo bruciare) versa la carne, un bocconcino alla volta, e aggiungi un po’ di acqua. Fai cuocere la carne un’ora circa, quindi aggiungi il peperone, mezza cipolla, un cucchiaio di aceto di vino bianco, un dado di gallina, la passata, pepe e  acqua. Fai cuocere ancora per circa 30 minuti e se è necessario aggiungi acqua.

3 spremi lime da tenere in cucina!

  • Spremi limone, lime e arance in acciaio inox a pressione manuale di Innovee Home (su Amazon.it a 19.95 euro): comodo e semplice da usare senza sforzo, è lavabile in lavastoviglie e facile da pulire; non si graffia, arrugginisce e scheggia. 

tartara di salmone

  • Spremi agrumi in plastica per limone, cedro, lime, arancia di Best Offer Buy (su Amazon.it a 4 euro): ideale per ottenere il succo dei limoni fino all’ultima goccia senza doverli strizzare;  basta tagliare la sommità del frutto e avvitare l’anima a vite dello spremiagrumi nel frutto (composto da uno spremitore grande e uno piccolo).

tartara di salmone

  • Spremi agrumi e spruzzino per limoni, lime, arance di Xcellent Global (su Amazon.it a 15.99 euro): pratico spremiagrumi 2 in 1. La confezione comprende uno spremiagrumi in alluminio con rivestimento giallo che aiuta a estrarre tutto il succo dal frutto senza lasciare polpa o semi e non arrugginisce, e uno spruzzino.
    tartara di salmone

guarda tutte le ricette dominicane

Facebook: Daniela Larivei (e se vuoi metti Mi piace!)

Foto: © fotek – Fotolia.com

Lascia un commento