los tostones

Platano fritto in salsa (los tostones)

Il platano è un frutto tropicale che appartiene alla famiglia delle banane: ecco perché all’inizio, quando arrivai a Santo Domingo, lo confondevo con le banane, tant’è che una volta, convinta di aver comprato appunto una banana, lo mangiai, crudo, esclamando poi che era una banana disgustosa!Il platano infatti assomiglia alla banana, ma è più lungo, anche fino a 40 centimetri, e, soprattutto, si mangia cotto! In genere fritto, ma anche bollito in una zuppa o come purè. Il platano fritto (los tostones), comunque, per via della cottura, è più difficile da digerire.

Osserva la buccia

La buccia del platano poi è più spessa e può avere diversi colori: verde, con una polpa simile a quella della patata, quindi da consumare preferibilmente fritta; gialla con macchie nere, con una polpa più dolce perché gli amidi si stanno trasformando in zuccheri, quindi può essere cucinata anche bollita; molto nera, con una polpa dolce perché la trasformazione degli amidi in zuccheri è quasi completa quindi è consigliata per la preparazione di dolci. Anche le foglie possono essere utilizzate per la preparazione di alcuni piatti tipici dominicani. In Italia, il platano lo si può trovare nei minimarket di prodotti stranieri.

Molto nutriente

Il platano è molto ricco di amido, quindi è molto nutriente, per questo viene usato per accompagnare diversi piatti, come se fosse un pane. Appartenendo alla famiglia delle banane, poi, è ricco di potassio.

Platano fritto in salsa (los tostones)

Ingredienti (per 2/3 persone):

  • un platano
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

Preparazione:

lava e asciuga il platano. Spuntalo e fai tre tagli in lunghezza, quindi sbuccialo e taglialo a rondelle. Immergi le fette di platano in una pentola con olio bollente fino a quando non risultano dorate, rigirandole in modo da friggerle da entrambi le parti. Scolale dall’olio e battile con il batticarne in modo che si appiattiscano un po’, quindi rimettile nell’olio e fai friggere ancora per pochi secondi. Quindi adagiale su carta assorbente e spolverizzale con un po’ di sale. Vanno servite calde e possono essere accompagnate con maionese e ketchup.

guarda tutte le ricette dominicane

Facebook: Daniela Larivei (e se vuoi metti Mi piace!)

Foto: Daniela Larivei e Simona Furlan

Lascia un commento