Vacanza in Tunisia tra storia e mare

Vacanza in Tunisia tra storia e mare

Amo molto i Paesi arabi, e questo si sa. Altrimenti non avrei studiato arabo per tre anni. E quando volevo lasciare l’Italia ero indecisa tra Santo Domingo e un Paese arabo, ma scelsi l’isola caraibica. La Tunisia mi piace molto, ci sono stata molte volte. Poi è vicina all’Italia, economica e oggi sicura (per maggiori informazioni puoi visitare il sito www.tunisiaturismo.it  oltre che leggere il mio post Sicurezza a Djerba). E poi, vuoi mettere un vis à vis con quei pelosoni di dromedari? Per una vacanza in Tunisia tra storia e mare perfetta puoi fare un tour per visitare alcune città di rilievo e poi aggiungere una estensione mare sempre in Tunisia o a Djerba (leggi anche il tour nel deserto della Tunisia più estensione mare a Djerba).

Una vacanza in Tunisia tra storia e mare

Ecco alcune città importanti della Tunisia da visitare cui aggiungere una estensione mare sempre in Tunisia o a Djerba.

Sousse, la perla del Sahel

Sousse è la perla del Sahel (da Wikipedia) ed è una città dai molti volti per la sua storia millenaria: fondata dai Fenici, caduta sotto il dominio Cartaginese, rasa al suolo dai Vandali e poi ricostruita dai Bizantini e dagli Aghlabidi.

La storia è nella Medina

La splendida Medina con i suoi souk, patrimonio mondiale dell’Unesco, si trova di fronte al porto di Sousse. Dominata dalla alta figura della Torre Khalef, la città vecchia ha conservato i suoi bastioni medievali e numerosi monumenti: il Ribat, fortino e luogo di ritiro religioso; la Grande Moschea dall’aspetto di una fortezza e insolitamente priva di decorazioni e di minareti; l’imponente Kasbah. Per chi ama la storia, a pochi passi dal centro, si trova il Museo Archeologico di Sousse che ospita numerosi mosaici, di cui la città era uno dei migliori produttori nei tempi antichi. Raffigurano scene tipiche della tradizione romana, tra immagini di coccodrilli del Nilo, rappresentazioni di Nettuno, Dioniso e Medusa con il suo temibile sguardo.

Centro balneare e di talassoterapia

Sousse è anche una delle più importanti e moderne stazioni balneari della Tunisia per il suo litorale di sabbia fine bianchissima e i suoi alberghi e resort di lusso, ristoranti e night club alla moda. È una meta ideale per tutti: per gli amanti degli sport come quelli acquatici (per esempio immersioni, jet -ski e windsurf), il golf e il tennis. Sousse è anche famosa per i  centri di talassoterapia (leggi anche 6 villaggi economici sul mare di Djerba tra talassoterapia e sport) e per la sua vita notturna, grazie a numerosi ristoranti, lounge, night club e discoteche che animano il centro e le antiche stradine della Medina.

Monastir, la marina dorata

Lungo la costa, a pochi chilometri da Sousse, si trova Monastir, con le sue spiagge di sabbia dorata e il suo mare azzurrino, i suoi monumenti medievali e la sua affascinante marina. Si rivela così una destinazione ideale per rilassarsi in riva al mare, ma anche per visitare numerosi punti d’interesse, tra cui:

  • il ribaṭ di Harthema, fortezza utilizzata in principio per scopi militari, risalente al 796; oggi il cortile è utilizzato per rappresentazioni teatrali e per spettacoli serali;
  • il Museo Islamico, situato nella ex sala della preghiera al piano superiore del ribaṭ di Monastir. Qui si trovano una interessante collezione di monete del X e XI secolo, iscrizioni coraniche del VIII e XII secolo, tessuti, vetri, articoli di bronzo, antiche ceramiche tunisine, gioielli e un astrolabio del 927 proveniente da Cordoba;
  • il mausoleo di Bourguiba la cui costruzione ha avuto inizio nel 1963, ha molte somiglianze con i tipici santuari islamici dedicati ai santi. Habib Bourguiba, primo presidente della Tunisia, considerato come il padre della moderna Nazione, morì nel 2000 e fu sepolto qui. Prima di lui, i suoi genitori e sua moglie sono stati sepolti nel mausoleo.

Vacanza in Tunisia tra storia e mare

Kairouan, la città delle trecento moschee

Più nell’entroterra, a un’ora di macchina da Monastir e Sousse, si trova un altro gioiello della storia della Tunisia. Nel mezzo di un paesaggio di steppe, Kairouan è una città affascinante ancorata a un passato lontano, città santa dell’Islam, e prima capitale del Maghreb.

Iscritta dall’Unesco nel Patrimonio mondiale

È iscritta dall’Unesco nel Patrimonio mondiale per le sue meraviglie: la venerabile Grande moschea, i bacini aghlabidi, l’incantevole mausoleo di Sidi Sahbi caratteristico per i suoi riquadri di ceramica multicolore e conosciuto come la “Moschea del Barbiere”.

Una moltitudine di cupole bianche

La Medina di Kairouan è un luogo affascinante disseminata da una moltitudine di cupole bianche che segnalano le tombe dei santi musulmani e “Zaouias”, edifici dedicati a dei maestri spirituali che hanno dispensato insegnamenti a Kairouan. Una di queste cupole ospita un venerato pozzo antico quanto la città stessa, Bir Barrouta la cui acqua è sacra. Ancora oggi, l’acqua viene pescata con una “noria”, una ruota azionata da un dromedario. Nei souk si possono acquistare i più rinomati tappeti tunisini e imbattersi in ristoranti dove poter gustare una cucina berbera semplice a buon prezzo.

Vacanza in Tunisia tra storia e mare

Se ti interessa invece avere una proposta di viaggio, scrivimi: travel@danielalarivei.com

I dati personali forniti saranno trattati al solo fine di rispondere alla tua richiesta e per aggiornarti sugli ultimi post del mio blog, nel pieno rispetto di quanto descritto nella Privacy Policy. Scrivendo, confermo di aver preso visione dell’informativa.

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)