cosa fare se il volo è in ritardo o cancellato

Cosa fare se il volo è in ritardo o cancellato?

Se viaggi, almeno una volta nella vita, ti è capitato di dover gestire inconvenienti legati al volo, come ritardi, cancellazioni o overbooking. A me è successo un paio di volte, e il caso più eclatante si è verificato proprio durante un viaggio in Repubblica Dominicana con una compagnia aerea che poi è fallita. L’importante è non farsi prendere dal panico ma raccogliere tutta la documentazione possibile, quella cartacea come i documenti di viaggio, e fotografica, come le foto ai monitor che segnalano il ritardo del volo. Dunque, in particolare, cosa fare se il volo è in ritardo o cancellato, c’è overbooking o il bagaglio si è perso o danneggiato? Ecco alcuni consigli per prepararti al meglio di fronte a questi piccoli inconvenienti, grazie alla preziosa collaborazione di Salvatore Pastore, avvocato esperto in Diritto dei trasporti Europeo e del Turismo e founder di Flycare.eu (lo puoi contattare compilando il modulo sotto).

Se il volo è in ritardo

Il ritardo aereo è uno dei disservizi più diffusi tra le compagnie aeree. In questo caso potresti aver diritto a ottenere una compensazione monetaria a seconda della tratta. Una recente sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha stabilito che i passeggeri di voli che siano arrivati a destinazione con un ritardo pari o superiore alle tre ore hanno diritto:

  • al rimborso del prezzo del biglietto aereo e in alternativa all’imbarco su un volo in condizioni di trasporto comparabili,
  • a una compensazione pecuniaria il cui importo varia in base alla tratta aerea, e che va da 250 a 600 euro,
  • a pasti e bevande durante l’attesa,
  • a effettuare gratis due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o posta elettronica.

Non hai diritto alla compensazione pecuniaria quando la compagnia aerea:

  • possa provare che la cancellazione del volo sia stata causata da circostanze eccezionali che non si sarebbero comunque potute evitare anche se fossero state adottate tutte le misure del caso, per esempio in caso di eventi meteorologici e sciopero aereo,
  • abbia avvisato il viaggiatore entro i termini previsti dalla normativa.

Se il volo è cancellato

Anche in questo caso potresti aver diritto a una compensazione monetaria a seconda della tratta. Infatti, grazie alle Convenzioni internazionali, all’intervento dell’Unione Europea e all’emanazione di un regolamento direttamente applicabile negli Stati membri, potresti aver diritto:

  • al rimborso del prezzo del biglietto aereo e in alternativa all’imbarco su un volo in condizioni di trasporto comparabili,
  • a una compensazione pecuniaria il cui importo varia in base alla tratta aerea, e che va da 250 a 600 euro,
  • a pasti e bevande durante l’attesa,
  • a effettuare gratis due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o posta elettronica.

Non hai diritto alla compensazione pecuniaria quando la compagnia aerea:

  • possa provare che la cancellazione del volo sia stata causata da circostanze eccezionali che non si sarebbero comunque potute evitare anche se fossero state adottate tutte le misure del caso, per esempio in caso di eventi meteorologici e sciopero aereo,
  • abbia avvisato il viaggiatore entro i termini previsti dalla normativa.

Se viene negato l’imbarco per overbooking

L’overbooking si verifica quando quando la compagnia aerea ha venduto biglietti in numero superiore rispetto ai posti disponibili sull’aeromobile. In questo caso:

  • la compagnia aerea ha l’obbligo di cercare volontari disposti a rinunciare alla propria prenotazione in cambio del totale rimborso del biglietto o in alternativa all’imbarco su volo alternativo.
 In particolare, nel caso in cui i volontari scelgano l’imbarco su volo aereo alternativo avranno comunque diritto a pasti e bevande durante l’attesa e a effettuare gratis due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o posta elettronica;
  • il passeggero che, invece, non abbia intenzione di rinunciare volontariamente alla propria prenotazione, ha diritto oltre a quanto già previsto per il volontario anche a una compensazione pecuniaria il cui importo varia in base alla tratta, e che va da 250 a 600 euro.

Se il bagaglio è stato consegnato in ritardo, è stato smarrito o danneggiato

In questo caso potresti aver diritto a una compensazione fino a 1.200 euro. Che il bagaglio sia stato ritardato, smarrito o danneggiato, prima di lasciare l’area di riconsegna bagagli però ricordati di compilare il Rapporto di smarrimento o danneggiamento bagaglio (denominato Pir – Property Irregularity Report) presso l’Ufficio Lost and Found con cui verrà eseguita una specifica procedura per l’avvio della pratica di risarcimento nei confronti della compagnia aerea.

Chiedi gratuitamente una consulenza e il rimborso

Se hai subito un disservizio durante il volo e vuoi ottenere gratuitamente il giusto rimborso senza anticipare alcuna spesa puoi rivolgerti ai professionisti di Flycare.eu compilando il modulo sotto. Il team di avvocati esaminerà gratuitamente la tua richiesta e procederà, se ci sono i giusti presupposti e sempre a titolo gratuito, a richiedere rimborsi e danni alla compagnia aerea. Tu non dovrai anticipare alcuna spesa, i professionisti si rivalgono direttamente sulla compagnia aerea.

Se hai bisogno di assistenza gratuita per problemi legati al volo compila il modulo qui sotto, gli avvocati di Flycare.eu ti risponderanno subito!

Nome e cognome (obbligatorio)

La tua email (obbligatorio)

Il tuo cellulare (obbligatorio)

Data del volo

Numero del volo

Compagnia aerea

Itinerario

Cosa è successo

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Informazioni su viaggi: santodomingoforever@danielalarivei.com

Leggi anche il mio blog su Vanityfair.it: nontornopiu.vanityfair.it

Foto: ©Daniela Larivei

Lascia un commento