acidità di stomaco con l'Aloe Vera

Addio all’acidità di stomaco con l’Aloe Vera

 

Se hai mangiato troppo durante le vacanze pasquali o soffri il cambio di stagione (come me) e ora devi fare i conti con l’acidità di stomaco, puoi ricorrere all’Aloe Vera! Grazie infatti alle sue proprietà benefiche (le trovi nel post Le eccellenti proprietà dell’Aloe Vera dominicana) si rivela una pianta miracolosa per alleviare diversi disturbi. Ora ti spiego perché puoi dire addio all’acidità di stomaco con l’Aloe Vera.

Addio all’acidità di stomaco con l’Aloe Vera

Il bruciore di stomaco è dovuto a una irritazione della mucosa gastrica o a una infezione del tubo digerente. La sensazione di bruciore parte dal centro del torace e può diffondersi anche fino alla gola. Le cause sono diverse come pasti troppo abbondanti e irregolari, alimenti ricchi di grassi, bevande fredde (soprattutto nei mesi caldi), qualche bicchiere di troppo, farmaci, fumo, ansia e nei casi più seri reflusso, gastriti, ernia iatale da Wikipedia e ulcera da Wikipedia.

Acemannano, mai più senza!

Grazie all’effetto gastroprotettore dell’acemannano, una molecola contenuta nell’Aloe Vera che ha proprietà  immunostimolante, antivirale, antineoplastica e benefica su stomaco e intestino, l’Aloe Vera ha quindi proprio benefici sullo stomaco perché protegge la mucosa gastrica, riducendo l’acidità e la sua influenza sulle pareti dello stomaco, favorisce l’equilibrio della flora batterica, migliorando l’assorbimento delle sostanze nutritive e l’eliminazione delle tossine.

Prodotti a base di Aloe Vera li trovi nello Shop di Amicafarmacia.com

Addio all’acidità di stomaco anche con buone accortezze

Se non si hanno particolari intolleranze, bere l’Aloe Vera non può che far bene. Anche lo zenzero è un ottimo rimedio naturale che aiuta ad attenuare acidità e nausea. Per esempio, si possono consumare biscotti, te, infusi o tisane a base di questa sostanza. Ma in ogni caso prima di tutto contano le buone abitudini, ovvero:

  • mangiare poco ma spesso: i bruciori di stomaco peggiorano se si resta a digiuno troppo a lungo o se il livello di zuccheri nel sangue è troppo basso;
  • sì ai prodotti secchi, no ai fritti: per evitare problemi di stomaco, si possono mangiare i cracker e le fette biscottate, che assorbono gli eventuali succhi gastrici in eccesso, tamponando l’acidità. Da evitare, invece, le ricette particolarmente elaborate, i fritti, i cibi speziati, il caffè e l’alcol;
  • non sdraiarsi subito dopo aver mangiato, altrimenti si ostacola il processo di digestione. L’ideale sarebbe aspettare almeno 2 ore. Se si è abituati a cenare tardi o ad andare a letto presto, sarebbe meglio anticipare l’orario della cena.

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)