stand alla fiera cosmoprof bologna 2015

Cosmoprof Bologna 2015: c’era anche l’Aloe Vera di Santo Domingo

Si è chiusa, con dati da record, l’edizione Cosmoprof Bologna 2015, l’evento internazionale sulla cosmesi: oltre 240mila visitatori (+20% rispetto all’edizione 2014), di cui 80mila provenienti dall’estero (+30%), e circa 2.500 espositori, dei quali il 70% provenienti dall’estero. Tra gli stand non poteva mancare l’azienda leader nella coltivazione, produzione e distribuzione dell’Aloe Vera proveniente anche da una piantagione della Repubblica Dominicana (leggi Le eccellenti proprietà dell’Aloe Vera dominicana e non).

Cosmoprof Bologna 2015: benessere sempre in crescita

Io al Cosmoprof Bologna 2015 ci sono stata lunedì scorso, ed era la prima volta che ero presente all’evento. E mi è piaciuto anche molto. Tanti i visitatori giovani e tanti gli espositori provenienti anche dall’estero (Korea, Cina, Taiwan, Polonia, Germania, Colombia, Francia, Grecia, Belgio, Spagna, Pakistan, Turchia, Malesia, Australia, Singapore, Giappone, Nuova Zelanda, Oceania, UK, Israele, Perù, USA e California e, per la prima volta, gli Emirati Arabi, la Tailandia e l’Olanda) con progetti e lavori innovativi.

Filiera cosmetica: un settore in espansione internazionale

Sai a quanto ammonta il valore dell’intera filiera cosmetica? Te lo dice Fabio Rossello, presidente di Cosmetica Italia. “La numerosa partecipazione delle nostre imprese testimonia il valore di una manifestazione capace di dare spazio all’intera filiera cosmetica, il cui valore si attesta attorno ai 13.500 milioni di euro”.

Dagli ingredienti cosmetici, alle macchine per la produzione, all’imballaggio, fino al prodotto finito, le eccellenze del mondo cosmetico hanno trovato piena espressione durante la kermesse bolognese. “L’enorme successo di Cosmoprof che ha portato in Italia e a Bologna l’industria globale della cosmesi e il popolo del beauty da tutto il mondo, è un evento davvero eccezionale per l’Italia e la città di Bologna – riferisce Duccio Campagnoli, presidente di BolognaFiere -. È segno anche di forte ripresa e di grande interesse dall’estero verso il nostro Paese. Questo è stato il grande Cosmoprof dell’internazionalità. La competitività sui mercati stranieri rappresenta un’opportunità di crescita sempre più irrinunciabile per le aziende italiane del settore cosmetico. Ecco perché Cosmoprof è sempre di più internazionale”.

Aloe Vera: una pianta miracolosa

L’Aloe Vera è una pianta eccezionale (per approfondire: 4 tipi di Aloe Vera miracolosa: e io sono nuova!). Io sono stata nella piantagione dominicana – e sono stata la prima italiana a visitare la piantagione – e ho visto nel dettaglio come viene prodotto il succo di Aloe Vera. Lo stabilimento che produce il gel di Aloe Vera si in un piccolo villaggio vicino a Montecristi, nord ovest della Repubblica Dominicana. Questa piantagione pare sia la più grande a livello mondiale: lunga circa 55 chilometri e larga circa 30 chilometri. Una volta raccolta da personale haitiano, l’Aloe Vera arriva nello stabilimento. Qui esperti dominicani la lavano, la puliscono, privandola dell’aloina, la parte nociva, e la trattano fino a ridurla a gel. Il gel viene poi messo in sacchi di alluminio sterili. Poi tramite container viene spedito in Texas per il confezionamento dei prodotti. Ogni settimana partono dieci container per il Texas dove viene realizzato il prodotto finito che verrà distribuito in tutto il mondo.

Puoi trovare ottimi prodotti a base di Aloe Vera nello Shop di Amicafarmacia.com

Vai sul sito della Fiera per sapere tutti i dettagli delle future edizioni di Cosmoprof Bologna.

 

Questo blog è frutto del mio lavoro e della mia esperienza in Repubblica Dominicana. 

Quindi, se vuoi supportarmi o offrimi una colazione… lo puoi fare qui paypal.me/danielalarivei 

Oppure acquista la mia guida reportage Repubblica Dominicana. Reportage e riflessioni tra Santo Domingo, Samana, Santiago e Barahona pubblicata da goWare

 

Rispondo pubblicamente su:

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Instagram: daniela.larivei

Post del blog danielalarivei.com

 

Foto: @ Daniela Larivei