Come pulire il cane dopo la passeggiata

Come pulire il cane dopo la passeggiata

Mai come in questo periodo di Covid-19 è importante l’igiene personale e dei propri amici a quattro zampe. In particolare, è bene sapere come pulire il cane dopo la passeggiata. Soprattutto dopo l’informazione shock da parte di un veterinario nel programma Pomeriggio 5 che consigliava di usare la candeggina diluita per pulire le zampe del nostro amico peloso. Niente di più sbagliato: la candeggina è irritante per la cute e le mucose degli animali, oltre al fatto che potrebbe leccarsi  e così assumerla anche internamente. Quindi ecco come pulire il cane dopo la passeggiata.

Ti potrebbe interessare anche Coronavirus: dog sitting gratuito per chi è malato

Perché pulire il cane dopo la passeggiata

Anche se non è stato scientificamente dimostrato che i cani possano trasmettere il Covid-19, ciò non vuol dire abbassare la guardia: il cane esce, è a contatto con il mondo esterno, quindi può “incontrare” il virus. Il virus infatti può rimanere sul pelo e sulle zampe del cane: per evitare di portarlo nella nostra casa e rischiare di essere contagiati, aumentando il rischio di contagio anche per tutti i membri della famiglia, è fondamentale prendersi cura dell’igiene del nostro fedele amico peloso. Ecco quindi come assicurare l’igiene del cane dopo la passeggiata.

3 consigli per assicurare l’igiene al cane dopo l’uscita

Dopo ogni passeggiata all’aria aperta, infatti, prima di far entrare il cane in casa, è necessario pulirlo accuratamente per mantenere la casa pulita e libera da germi e sporco. Un gesto che deve diventare per il cane una sana abitudine e un momento di coccole. Ecco 3 consigli per una buona igiene del vostro fedele amico a quattro zampe.

  1. Fare il bagno al cane una volta al mese. Fare il bagno al cane è una buona norma igienica, ma non deve essere effettuato con frequenza, ovvero non più di una volta al mese per non alterare lo strato lipidico (da Wikipedia) presente sulla cute dell’animale, che ha funzione protettiva e difensiva, esponendola agli agenti esterni, come parassiti e batteri.
  2. Spazzolare il cane con una apposita spazzola sia sul corpo sia sui polpastrelli, in modo da eliminare la terra e la sporcizia.
  3. Utilizzare un prodotto ad hoc dedicato alla salute e all’igiene del cane (come quello consigliato sotto).

Le salviettine inumidite possono essere dannose per il cane

È vivamente sconsigliato usare le salviettine inumidite e soprattutto se a base di clorexidina. “Si tratta di prodotti che contengono sostanze nocive per l’organismo del cane – spiega Silvia Bonasegale Camniaso, veterinaria a Milano -. In particolare è da evitare la clorexidina, un disinfettante molto aggressivo che deve essere usato solo in presenza di batteri patogeni, cioè cattivi, che determinano malattie, in quanto può causare problemi alla cute del cane, come rossori e irritazioni. Inoltre, poiché è molto aggressiva, va evitato l’uso prolungato perché può compromettere il microbiota cutaneo della cute. Quest’ultimo infatti è deputato a mantenere la pelle in salute. E non è altro che l’equilibrio tra batteri fisiologici, cioè che convivono normalmente con l’organismo senza creare danni, e quelli patogeni, cioè cattivi e responsabili delle malattie. Ecco: la clorexidina può distruggere entrambi i batteri ed eliminando anche quelli buoni abbassa le difese esponendo l’animale al rischio di malattie della cute e del pelo”.

Ti potrebbe interessare anche 5 consigli per una casa a misura di zampa

Come pulire il cane dopo la passeggiata

Come pulire il cane dopo la passeggiata: un metodo semplice e veloce

Un metodo semplice e veloce per pulire il cane dopo la passeggiata è utilizzare lo Spray Purifyl Dog’s Health. Si tratta di un liquido detergente per la pulizia quotidiana del cane, in particolare di zampe, muso, sottogola e parti intime.

Totalmente made in Italy, è un detergente, idratante, emolliente, purificante e antisettico a base di Aloe Vera e senza parabeni. Sanifica e regola il pH, grazie alle sue componenti vegetali e acqua demineralizzata. L’aloe vera invece ha azione emolliente e nutritiva, ecco perché è indicato anche per la pulizia e l’igiene delle pieghe cutanee – in particolare dei cani brachicefali (pieghe del muso e sottogola) – e di tutte le zone delicate. Essendo un prodotto a base di aloe vera e sostanze naturali, non ha controindicazioni se il cane ne ingerisce piccole quantità leccandosi le zone trattate.

I componenti vegetali naturali contenuti nello Spray Purifyl (acqua, sorbato di potassio, acido borico, borato di sodio, cloruro di sodio, aloe vera, coccammide betaina) lo rendono adatto a tutte le razze di cani, anche per cani cuccioli, anziani, in convalescenza, in gravidanza e allattamento.

Per una corretta applicazione, è consigliato spruzzare il prodotto 2/3 volte su un panno morbido e strofinare delicatamente sulla parte da pulire per rimuovere residui e sporco accumulato. Lo spray non ha bisogno di risciacquo, può essere utilizzato ogni volta che ce ne sia la necessità.

E se hai bisogno di una pet sitter nella zona di Milano, contattami compilando il modulo qui sotto, ti rispondo entro 24 ore!

    I dati personali forniti saranno trattati al solo fine di rispondere alla tua richiesta e per aggiornarti sugli ultimi post del mio blog, nel pieno rispetto di quanto descritto nella Privacy Policy. Scrivendo, confermo di aver preso visione dell’informativa.

    Acquista il mio libro Professione Digital Pet Sitter di Dario Flaccovio Editore

    Se mi vuoi contattare, qui trovi i miei contatti e segui le indicazioni!

    Guarda anche il mio canale peloso YouTube con tante storie a prova di miao e bau (e non solo!).

    Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

    (Foto di Daniela Larivei. Ringrazio Dafne per la collaborazione)