Come rendere più bello il pelo del micio

Come rendere più bello il pelo del micio

La bellezza del pelo del gatto, ma in genere di ogni animale, non è solo una questione estetica, ma anche indice di salute e benessere. Esattamente come eventuali disturbi che si manifestano sulla nostra pelle, oltre che inficiare l’estetica, possono essere il campanello di allarme di problemi più o meno seri. Ecco allora  quali sono alcune motivazioni di un brutto manto e come rendere più bello il pelo del micio.

Perché il mio micio ha un brutto pelo?

Una leggera perdita di pelo è del tutto naturale, perché il gatto ha l’abitudine di lavarsi costantemente. Solo se questa abitudine diventa eccessiva può essere sintomo di un problema più serio.

Quindi, innanzitutto, se si nota un pelo brutto, infeltrito, disidratato, con cute irritata e/o senza pelo, la prima cosa da fare è rivolgersi al veterinario che, dopo una accurata visita, si esprimerà sulla diagnosi e su una eventuale cura. A volte, alla base, ci possono essere problemi organici e comportamentali, come:

  • gastro-intestinali (fegato, stomaco, intestino);
  • dermatologici, per esempio, una micosi (da Wikipedia). Fragolino, il mio compagno di vita, per esempio ha sofferto per i primi anni di vita di micosi;
  • stress e quindi sarà importante parlare con un veterinario esperto di comportamento per capire i fattori scatenanti e se serve una eventuale cura;
  • eccessiva toelettatura del gatto. Il gatto si lecca periodicamente il mantello per mantenersi pulito, ma se lo fa in modo eccessivo può causare perdita di pelo e irritazioni. In particolare, se il gatto prende di mira una zona, come la pancia, si può formare una chiazza alopecica totale o parziale. In questo caso, potrebbe nascondere un problema comportamentale, come stress o noia per mancanza di stimoli;
  • scarsa alimentazione, ovvero carente di proteine nobili, cioè di alta qualità, fondamentali per il benessere del pelo.

Come rendere più bello il pelo del micio: le foglie di olivo

In generale, la perdita di pelo nei gatti può essere facilmente affrontata, intervenendo sui problemi che l’hanno causata. In ogni caso, per migliorare il pelo del felino, può essere utile ricorrere all’uso delle foglie di olivo attraverso un integratore come Olicat. Ha le stesse proprietà della versione a uso umano, ovvero Olife, ma con in più appetizzanti  per soddisfare il palato del micio.

Infatti, grazie alle 5 principali molecole di cui è composto (quali sono? Le trovi nel post Torta di gelatina a base di foglie di olivo), anche Olicat si rivela essere un ottimo alleato per la bellezza e la salute del pelo del micio. In particolare poi è un potente:

  • antibatterico,
  • antivirale,
  • antifungineo,
  • antiossidante.

Pertanto, Olicat è fondamentale per tutto l’organismo e in particolare per i problemi di pelo e cute, circolatori, dell’apparato urinario e gastro-intestinale.

Si può aggiungere tranquillamente alla pappa: il tuo micio lo apprezzerà senz’altro (io l’ho testato su dieci gatti con ottimo successo). Perché i gatti sono attratti dalle foglie di olivo esattamente come nel caso dell’erba gatta. Prova a portare in casa dei rami di ulivo, vedrai che effetto avranno sul gatto!

Leggi anche I benefici delle foglie di olivo su cani e gatti

Per ulteriori informazioni o se vuoi assistere a una presentazione del prodotto gratuita su Zoom one to one, puoi compilare il modulo qui sotto e ti risponderò entro 48 ore!

E se hai bisogno di una pet sitter nella zona di Milano, contattami compilando il modulo qui sotto, ti rispondo entro 24 ore!

I dati personali forniti saranno trattati al solo fine di rispondere alla tua richiesta e per aggiornarti sugli ultimi post del mio blog, nel pieno rispetto di quanto descritto nella Privacy Policy. Scrivendo, confermo di aver preso visione dell’informativa.

Acquista il mio libro Professione Digital Pet Sitter di Dario Flaccovio Editore

Se mi vuoi contattare, qui trovi i miei contatti e segui le indicazioni!

Guarda anche il mio canale peloso YouTube con tante storie a prova di miao e bau (e non solo!).

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

(Foto di Daniela Larivei. Ringrazio Minù per la collaborazione)