libro con fiori che spiega perché i gatti migliorano gli umani

I gatti migliorano gli umani: è arrivato il “miaoismo”

Se sei una gattara come me, sai benissimo che i gatti conquisteranno, e salveranno, il mondo! Perché, se non lo sapevi ancora (male!), hanno messo in atto una rivoluzione pelosa per migliorare la vita di ogni bipede e aggiudicarsi così una casa, un letto caldo e pappa mattina e sera. Sarà tutto merito di Miao, un magnifico gattone rosso e promotore di una società gatto-comunista… Ma bando alle ciance: i gatti migliorano gli umani perché siamo nell’era del miaoismo. Vuoi sapere di cosa si tratta? Leggi il post e anche un libro appena uscito in libreria.

I gatti migliorano gli umani: è arrivato il miaoismo

Ogni essere umano ha bisogno di un gatto, ma ancora non lo sa. Ne è convinto ogni gatto e per questo si avvicina all’umano nella speranza di essere adottato. Ed è anche il cardine su cui si fonda il miaoismo, la teoria elaborata da Miao Tse-Tung, spiegata molto bene ne Il libretto rosso dei pensieri di Miao, a cura di Roberto Centazzo per Tea edizioni, una parodia gattofila del famosissimo Libro delle Guardie rosse con le citazioni di Mao.

Una società gatto-comunista: un micio per ogni umano

Miao è destinato a passare alla storia come il gatto più rivoluzionario di tutti i tempi perché ha il compito di salvare l’uomo che si sta avviando verso una deriva senza fine. È sempre nervoso, triste, amareggiato, insoddisfatto. Infelice. Ma una soluzione ce l’ha: aprire le porte di casa a un gatto, così potrà progredire e diventare una persona migliore. Perché i gatti migliorano gli umani.

Da buon visionario, Miao fa un sogno: vede un futuro nel quale tutti i gatti sono sistemati in case calde e accoglienti e si fanno servire e riverire dagli umani che, messo da parte il loro egoismo, riescono finalmente ad assaporare la felicità proprio grazie ai felini di casa. È quella che Miao definisce la società gatto-comunista, dove c’è un gatto per ogni umano. Ma come realizzarla? Come potranno le pellicce con i gommini riuscire nell’impresa? Molto semplice. Sarà sufficiente seguire una serie di regole, una sorta di manuale di istruzioni che Miao si appresta a redigere: è il famoso Libretto rosso, chiamato così perché Miao era un magnifico gattone proprio di questo colore.

Leggi anche Perché il 17 febbraio è la Giornata del gatto, cioè dei gommini rosa

I gatti migliorano gli umani e regalano benefici

Ecco 10 motivi per avere un gatto che emergono dal Libretto rosso. Ce ne sono tanti altri, ma non posso svelarteli tutti, devi leggere il libro. Che si legge in pochissimo tempo e ti farà anche ridere, non solo perché l’autore descrive molto bene la “razza gatto”, ma perché i gatti, lo saprai benissimo, sono tutto: belli, simpatici, buffi, furbi, determinati, intelligenti, indipendenti sì ma attaccati al loro umano, maestri di vita.

  1. Potrai riappropriarti della semplicità e della tua natura primordiale. Non solo. Capirai che cosa è l’affetto, dimostrato semplicemente con uno strofinio della testa contro una spalla o con qualche leccatina. “A cosa servono le parole? A nulla! Quando si renderanno conto di questo, gli umani cominceranno ad amare noi gatti. Meglio il nostro silenzio enigmatico che le loro ingannevoli frasi suggestive”.
  2. Imparerai che è sbagliato dominare il pianeta e usare tutte le specie animali per gli scopi più svariati. Gli animali non sono cose ma essere viventi. “A questo deve tendere il gatto, a ricevere ammirazione e devozione, e grattini, senza che l’uomo possa ricavarne alcunché (…). Ci sono azioni – i grattini, appunto – che non producono un immediato guadagno materiale, ma che arricchiscono lo spirito. Si può dare amore, tanto amore, senza pretendere nulla in cambio”. Il miaoismo farà conoscere l’amore incondizionato e l’umano diventerà un essere migliore.
  3. Apprenderai che la felicità non è legata al concetto di proprietà. “Vivendoci accanto, giorno dopo giorno, l’uomo capirà che noi gatti non saremo mai suoi”. A un gatto basta poco per essere felice, ha “solo” la sua vita. E così l’umano imparerà ad accontentarsi e a gioire anche solo per una giornata di sole.
  4. Beneficerai degli effetti terapeutici dei gatti. Un gatto può scaldare il collo, dormendo sul cuscino nelle fredde notti invernali; un gatto percepisce lo stato d’animo di chi gli vive accanto e può consolare, tranquillizzare, rilassare; sa anche divertirsi ed essere felice.
  5. Prenderai atto che ogni essere vivente ha le sue peculiarità e una sua unicità da rispettare. Un pesce non volerà mai, così come un gatto non riporterà mai il bastoncino di legno lanciato, semplicemente perché non è un cane.
  6. Riequilibrerai la tua personalità: il cane ti venera, il gatto ti rimetta in riga. I gatti combattono la supremazia dell’uomo, rimettono in riga: il mondo va avanti anche senza di te. Te lo dimostrano quando ti fissano, come se fossi il nulla. Hai capito bene: il nulla.
  7. Apprezzerai il valore dei gesti e imparerai a lasciar perdere le parole.  Con un solo vocabolo (“miao”), i gatti sanno dire mille cose. Gli umani dicono una cosa e ne pensano un’altra e  mentono. I gatti no, non mentono.
  8. Conoscerai il valore della condivisione. Per il gatto-comunismo ciò che è tuo è anche mio e viceversa, ecco perché quando catturano un topo lo condividono sulla… nostra tavola!
  9. Verrai in contatto con la tua vera natura. Gli umani diffidano dei gatti perché sono specchi: ci credono opportunisti perché loro sono così; ci pensano falsi perché loro sono così. Gli umani, proprio loro che sono tutto e il contrario di tutto. Gli umani a cena di amici dicono “che buono!” anche se non lo pensano, per non offendere. I gatti, no, se non gradiscono la pappa te lo fanno capire senza problemi, con un gesto che dice tutto, ovvero “mangiala tu, questa roba!”.
  10. Capirai che non c’è nessuno motivo nel contenere la gioia: la felicità non può essere repressa. Se ti va di correre, corri; se ti va di saltare, salta; se ti va di giocare, gioca…

Il gatto non è un animale ma un vivente con pelliccia

Il gatto-comunismo è un nuovo sistema sociale, il più rivoluzionario e il più razionale di tutta la storia: gatti e uomini non sono più due entità distinte ma vivono in simbiosi e non ci sono gatti di razza, ma la razza gatto. L’umano non può vivere senza un gatto. Ci sarà un gatto per ogni umano, senza fretto. In cambio, l’umano riceverà  affetto e preziose lezioni di vita feline.  Perché un gatto non è un animale, termine spesso usato dagli umani in senso dispregiativo. È un essere vivente con la pelliccia, incapace di scannarsi come, oggi, fanno certi umani. Altro che animale!!!

Quindi, da domani, tu avrai almeno un gatto in casa e quando avrai bisogno di una pet sitter, nella zona di Milano, contattami (pet@danielalarivei.com)!

I dati personali forniti saranno trattati al solo fine di rispondere alla tua richiesta e per aggiornarti sugli ultimi post del mio blog, nel pieno rispetto di quanto descritto nella Privacy Policy. Scrivendo, confermo di aver preso visione dell’informativa.

Leggi le recensioni dei miei clienti su Petme e Dogbuddy!

Guarda anche il mio canale peloso YouTube con tante storie a prova di miao e bau (e non solo!).

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

Rispondo pubblicamente su:

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Instagram: daniela.larivei

Post del blog danielalarivei.com

(Foto by Daniela Larivei)