safari per vedere i gorilla di montagna

Meraviglioso safari per vedere i gorilla di montagna e non solo

Questo è il viaggio della mia vita, e mi sa di tanti! Un safari per vedere i gorilla di montagna in Uganda! Il mio sogno davvero, non desidero altro. E a forza di pensarci, mi ha contattato una mia cara amica che ha vissuto in Africa: “Perché non lo organizziamo insieme?”. Ecco fatto. Lei ha un tour operator italiano e tra i viaggi organizzati per vedere i gorilla di montagna, questo è molto competitivo, anche per quanto riguarda il prezzo. L’Uganda è tra i Paesi più affascinanti, dove vedere i gorilla, proprio perché è la patria dei gorilla di montagna e di pianura, e non potrà che regalare un’esperienza naturalistica e pelosa indimenticabile. Sarà un viaggio alla scoperta dei principali parchi ugandesi, ovvero Bwindi, Queen Elizabeth e Kibale, alla ricerca degli ultimi esemplari di gorilla di montagna e scimpanzé e non solo. 

Le 4 fasi del safari per vedere i gorilla di montagna

Ecco le 4 fasi del safari per vedere i gorilla di montagna:

  • partenza da nord ovest con la visita a Murchison Falls National Park con le sue imponenti cascate, il safari acquatico sul Victoria Nile e il safari alla ricerca dei big five;
  • discesa poi verso il centro ovest passando tra piantagioni di tè e caffè, la catena montuosa del Rwenzori e tantissimi villaggi e mercati prima di inoltrarsi nella foresta di Kibale dove potrai fare trekking con gli scimpanzè;
  • ancora discesa a Queen Elizabeth National Park per un nuovo safari acquatico sul Kazinga Channel e per altri safari fotografici alla ricerca anche dei lion climbing (leoni sugli alberi) ad Ishasha;
  • termine con la Impenetrable Forest di Bwindi e il trekking tra i gorilla di montagna dell’Uganda prima di passare l’ultima notte al lago Bunyonyi e godere del suo tramonto.

Le tappe del safari per vedere i gorilla di montagna

Giorno 1 – Entebbe

All’arrivo all’aeroporto verrai accolto dalla guida parlante inglese (su richiesta anche in italiano). Cena e pernottamento in  Lake Victoria guest house. Se l’operativo volo lo consente si possono organizzare eventuali attività come una visita guidata al giardino botanico o a un mercato.

Giorno 2 – Murchison Falls National Park

Si partirà per Murchison Falls National Park. A metà strada ci si fermerà per effettuare un trekking con i rinoceronti nella riserva di Ziwa, santuario che contiene circa 24 esemplari, che Uganda Wilalife Authorithy sta cercando di ripopolare dopo l’estinzione negli anni Settanta, con l’obiettivo poi di reinserirli nel parco nazionale. Pranzo al santuario e poi ci si dirigerà verso il parco Murchison. Dopo l’ingresso si supererà il Nilo con un ferrys per un safari fotografico e arrivo al lodge scelto (Pakuba Safari lodge).

L’area su cui sorge il Murchinson Falls National Park è la più estesa del’Uganda, 5.000 km circa e comprende anche le riserve di Bugungo, Karuma e Bugongo. L’area è attraversata dal Victoria Nile che congiunge Lake Kyoga con Lake Albert. Il parco è caratterizzato dalla tipica vegetazione della savana e della foresta. Il nome del parco è dato dalle meravigliose cascate in un punto in cui il Victoria Nile attraversa una spaccatura nelle rocce e cade per circa 45 metri dando vita a uno spettacolo di potenza e di rara bellezza. Nel parco vivono circa 76 specie di mammiferi: elefanti, bufali, giraffe, leoni, leopardi, antilopi, Uganda Kobs e molti altri, e circa 450 specie di uccelli, alcuni dei quali molto rari.

safari per vedere i gorilla di montagna

Murchison National Park

Giorno 3 – Murchison Falls National Park

Sveglia all’alba per un safari fotografico nella parte a nord del Nilo dove sono presenti, tra gli altri esemplari,  Uganda Kobs, bufali, elefanti, waterbuks, iene, ippopotami, giraffe, scimmie, uccelli, leoni, leopardi. Inoltre potrai ammirare gli splendidi scenari della savana e del Nilo Alberto. Ritorno al lodge per il pranzo. Nel pomeriggio è prevista una crociera sul Nilo Vittoria dove potrai vedere numerosi coccodrilli, ippopotami, bufali, elefanti e antilopi che si bagnano nel fiume e molte specie di uccelli. Questa piccola crociera ti porterà a circa 500 metri da dove le cascate Murchison si immettono nel fiume e potrai ammirare la loro potenza e bellezza, da lì scenderai e fare un trekking che ti permetterà di vedere le cascate da molto vicino e dalla parte più alta dove poi il driver ti verrà a prendere per riportarvi al lodge scelto (Pakuba Safari lodge).

Giorno 4 – Fort Portal

Partenza in mattinata per Fort Portal e sosta a Holma per il pranzo con il box lunch fornito dal lodge. Lungo la strada vedrai splendidi panorami del lago Alberto, piantagioni di tè, caffè e tabacco e tantissimi villaggi sulla strada. Arrivo a Fort Portal nel pomeriggio. Giornata interamente dedicata al trasferimento. Cena e pernottamento (Rwenzori Guest House).

Giorno 5 – Queen Elizabeth National Park

In mattinata trasferimento a Queen Elizabeth National Park. Pranzo al lodge. Nel pomeriggio crociera sul Kazinga Channel che unisce Lake Edoardo e Lake Giorgio. Qui si potranno vedere tanti ippototami, bufali, elefanti che si abbeverano al fiume, antilopi e uccelli anche molto rari. La navigazione finirà quando il canale sfocerà nel lago Edoardo. Questa è una delle attività più emozionanti dell’intero viaggio: vedere infatti la vita movimentata della Savana vicina ai corsi d’acqua è sicuramente un grande spettacolo.

In questo parco  vivono circa 95 specie di mammiferi tra cui: leoni, elefanti, leopardi, Uganda Kobs, iene maculate, bufale e diverse specie di primati come scimpanzè, colibrì blu, rossi, bianchi, neri e babbuini. Ci sono inoltre circa 600 specie di uccelli, una delle più alte concentrazioni dell’intero panorama africano, e distese di fenicotteri rosa lungo il lago di origine vulcanica Katwe. Nella parte sud del parco denominato “Ishasha” possiamo trovare i climbing lions, cioè i leoni che si arrampicano sugli alberi dove trascorrono le loro giornate tra una caccia e l’altra. Questi alberi chiamati fig trees hanno diramazioni che partono dal basso e sono delle vere e proprie abitazioni per i leoni. Pernottamento al Bush lodge.

safari per vedere i gorilla di montagna

Giorno 6 – Queen Elizabeth National Park

In mattinata trekking con gli scimpanzè nella foresta di Kyambura, una spaccatura all’interno della savana  che offre una varietà di vegetazione incredibile, una foresta ricca di biodiversità ancora differente rispetto alle altre foreste e che ospita una folta comunità di scimpanzè. Pranzo al lodge e nel pomeriggio un safari fotografico tra le rotte del parco sul Kaseny trek alla ricerca dei big five. Pernottamento (Bush lodge).

Giorno 7 – Bwindi Impenetrable National Park

Trasferimento a Ishasha e game drive (safari classico) prima del trasferimento a Bwindi. Ishasha è la parte sud del campo famoso per i lion climbing ovvero i leoni che si arrampicano su questi alberi che si diramano da pochi metri di altezza e che i leoni utilizzano come uffici personali. Li possiamo trovare solamente a Ishasha e a Lake  Manyara in Tanzania. Poi trasferimento a Runja a Bwindi impenetrable Forest  per il pernottamento al Gorilla Mist Camp.

Giorno 8 – Bwindi Impenetrable National Park

Colazione alle prime luci dell’alba per poi procedere verso il quartiere generale di Bwindi Impenetrable Forest per un piccolo briefing con i renger: sarai posizionato in gruppi al massimo di otto persone prima di procedere dentro la foresta. Sarà fondamentale avere il box lunch, almeno due litri di acqua, scarpe da trekking, kway. Il gorilla trekking varia da giorno a giorno e da famiglia di gorilla a un’altra. Starai con loro un’ora da quando avrai visto il primo esemplare: una emozione indescrivibile vedere questi unici animali a pochi passi da te (io scoppierò a piangere come minimo). Il ritorno è previsto intorno alle 13. Dopo il trekking trasferimento a Kisoro vicino a Mghinga National Park dove il giorno successivo farai il trekking con le golden monkey. Cena e pernottamento al Mucha hotel.

Giorno 9 – Lake Bunyonyi

Sveglia all’alba per il trasferimento al Mghainga National Park dove avrà luogo il trekking golden monkey della durata di 3/4 ore. Godrai di una vista meravigliosa sulle vette del Parco Nazionale dei vulcani; tieniti pronto a scattare foto soprattutto a specie di uccelli come il Ruwenzori Turaco, il colibrì e soprattutto alle Golden monkey che incontrerai nel tragitto. Dopo il trekking, trasferimento a Lake Bunyonyl Bunyonyi ecoresort.

Giorno 10 Lake Bunyonyi

Oggi giornata di relax sul lago. Potrai andare a visitare una comunità di pigmei situata sulla sponda sud del lago al confine del Rwanda oppure rilassarti e fare un bagno. Attività escluse. Cena e pernottamento Lake Bunyonyi  ecoresort.

Giorno 11 Entebbe

Potrai decidere se rientrare a Entebbe per il volo di ritorno in serata da prevedere dopo le ore 17.

Il costo del safari per vedere i gorilla di montagna

Si tratta di un viaggio costoso. Chi conosce un po’ l’Africa, l’Uganda in particolare, lo sa. Tuttavia, il prezzo qui proposto è molto competitivo. 

Innanzitutto, quando andare a vedere i gorilla di montagna? La prossima partenza è il 26 agosto (11 giorni/10 notti)Per richieste di informazioni e contatti con l’organizzatore scrivimi: travel@danielalarivei.com

Il prezzo è di 3.480 € e include: land cruiser o pulmino mini van open roof per safari fotografico con benzina e usura auto e guida autista professionale parlante inglese e su richiesta italiano; pernottamento in tutti i lodge menzionati con trattamento di pensione completa; attività descritte nell’itinerario ed entrate nei parchi; driver e guida.

Il prezzo non include: volo aereo internazionale, mance, bevande ai lodge, visto di entrata nel paese (50 USD). Il volo internazionale va dai 500 agli 800 € (prima lo acquisti e meglio è, nel caso ti invio alcuni link dove poterlo acquistare). Se parti da Milano, per esempio, oggi costa circa 600 €. 

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

Rispondo pubblicamente su:

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Instagram: daniela.larivei

Post del blog danielalarivei.com