5 cose che non sapevi sul gatto

5 cose che non sapevi sul gatto

Il gatto è un animale non umano (anche noi siamo animali… ma umani!). Io ne sono follemente innamorata, lo trovo un animale completo e in linea con il mio modo di essere. E anche quando pensi di conoscerlo bene, di sapere tutto… trova sempre un modo per stupirti. Quindi oggi ti regalo queste 5 cose che non sapevi sul gatto. Pronto per stupirti? E allora via con la lettura di questo post!

5 cose che non sapevi sul gatto

In occasione della passata Festa nazionale del gatto, Ultima Petfood – la marca esperta dell’alimentazione per cani e gatti – viene in soccorso ai pet parents e ai pet lovers provando a far luce su cinque comportamenti dei nostri gatti di cui (forse) non tutti sono a conoscenza con l’aiuto prezioso di Angelica Bassi, etologa Comportamentalista per Ultima Petfood. Che ci aiuta a sfatare alcuni falsi miti sui gatti e a capire meglio il significato dei comportamenti più abituali che spesso hanno un significato molto più complesso di quello che si possa pensare.

Ecco quindi 5 cose che non sapevi sul gatto.

Non fa dispetti, anzi…

Chissà quante volte hai detto che il tuo gatto è dispettoso. Nulla di più falso! Gli animali non fanno dispetti, semplicemente perché non possiedono la parte cognitiva atta a metterli in atto che abbiamo invece noi umani. E di questo ne avevo già parlato in un post che avevo scritto per Vanity Fair.

Quelli che vengono definiti “dispetti” sono semplicemente espressione di un comportamento di disagio che si può tradurre, per esempio, nel far i propri bisogni in giro, graffiare i divani ecc… E che potrebbe intensificarsi quando il gatto, che è molto territoriale, percepisce una modifica al proprio ambiente: quando qualcuno parte o arriva o anche quando semplicemente viene spostato un mobile all’interno della casa o, peggio, si fa un trasloco, molto stressante per il gatto.

Quindi smettiamola di pensare che il gatto ci faccia i dispetti, ma proviamo a causare loro meno stress possibile cercando di mantenere stabile il loro habitat.

Non sempre fa le fusa perché è felice

Si sa, i gatti fanno le fusa quando sono felici. Le fusa sono un momento molto apprezzato dagli amanti dei gatti in quanto il suono emesso rimanda a una situazione piacevole e rassicurante. I gatti fanno alle fusa anche in fase di corteggiamento o in occasione di saluti amichevoli o durante i tentativi di farsi accettare da un altro animale.

Tuttavia, il gatto può fare le fusa anche per segnalare una richiesta di aiuto o un disagio fisico. I gatti, infatti, fanno le fusa anche in caso di dolore, durante il travaglio o una visita dal veterinario (il mio Fragolino Viaggiatore, per esempio, faceva le fusa dal veterinario!).

Quindi questo significa che bisogna cercare di interpretare al meglio questo tipo di comunicazione felina per escludere disagi più importanti.

Leggi anche la mia storia d’amore con È scomparso Fragolino, un gatto viaggiatore in business class

Graffia per tanti motivi

Chissà perché in genere i gatti si fanno le unghie proprio sul divano. Il gatto graffia per tre motivi, ovvero per:

  1. affilarsi le unghie rimuovendo la parte più “vecchia” e far emergere quella nuova;
  2. esercitarsi a ritrarre e protrarre le unghie come farebbe durante la caccia;
  3. marcare: ogni volta che il gatto graffia rilascia attraverso i polpastrelli delle informazioni olfattive per marcare il suo territorio.

Amando i gatti non si potrà fare a meno di perdonargli anche questo. Tra le tante altre cose.

5 cose che non sapevi sul gatto

Strofina per affettuosità o informare che…

Non c’è cosa più bella che vedere il proprio gatto che ci saluta affettuosamente strofinandosi sulle nostre mani o sulle nostre gambe. Per il gatto questo comportamento ha la funzione di lasciare il proprio odore sulle persone e, nello stesso tempo, raccogliere il nostro. È uno scambio utile a rafforzare il legame.

Ma cosa vuol dire invece quando il gatto si strofina contro qualcosa di inanimato? In questo caso sta marcando con il proprio odore un oggetto e il proprio territorio per sentirsi più sicuro nel suo ambiente. Questo tipo di marcatura è anche un segnale per informare altri gatti che la zona è proprietà privata!

Non fa pasticci con la lettiera, ma…

Quante volte avrete pensato che il vostro gatto fosse “disordinato” nella gestione della sua lettiera? Ci sono gatti che fanno veramente pasticci e buttano letteralmente tutto all’aria! Ma anche in questo caso c’è una spiegazione. Perché sì, c’è una spiegazione a tutto!

Feci e urine contengono odori importanti che fungono da veicolo per comunicare con il mondo. Ogni volta che il gatto rastrella la lettiera mette in atto un comportamento normale e può farlo in modo frettoloso o in modo estremamente maniacale e preciso. Può coprire tutti gli odori o quasi, a seconda che voglia essere o meno individuato o, invece, desideri marcare il territorio (i gatti dominanti, per esempio, non coprono le feci). Quindi, rassegnati: il gatto non copre i suoi escrementi per tenere in ordine la lettiera o per farci un piacere.

Leggi anche Come deve essere la lettiera del gatto?

Acquista il mio libro Professione Digital Pet Sitter di Dario Flaccovio Editore

Se questo post ti è piaciuto, condividilo!

(Foto by Pixabay)