caviglie gonfie

Caviglie gonfie: in farmacia ho trovato un prezioso aiuto

Lo scorso sabato 7 settembre, ho compiuto i miei primi… 45 anni! Già da un po’ di tempo, dopo i fatidici “anta”, mi sono resa conto di come sia cambiato il mio organismo. E quindi, ecco: il mio bilancio è prettamente fisico, questa volta. Perché a una certa età il corpo e l’organismo cambiano davvero. Per esempio, prima dei fatidici “anta” non soffrivo per nulla di problemi alle gambe. Ora ho sempre le caviglie gonfie. Ma in farmacia ho trovato un ottimo rimedio. Scopri quale.

Caviglie gonfie: in farmacia ho trovato un prezioso aiuto

Una volta ero l’unica in famiglia che non beveva né caffè né vino né birra (a proposito, leggi Perché un uso moderato della birra fa bene); ora non potrei farne a meno (nei limiti, ovviamente). Non mangiavo frutta e verdura; ora vivrei di questi alimenti. Dormivo spesso, ora invece faccio fatica ad addormentarmi. Ero magra, magrissima, ora ingrasso solo a guardare il cibo. Avevo grossi problemi a stomaco e intestino, ora scomparsi grazie soprattutto all’Aloe Vera che ha rimesso in ordine il mio apparato gastrointestinale (per approfondire: Le eccellenti proprietà dell’Aloe Vera dominicana). In estate, non sudavo mai, tant’è che mia mamma mi invidiava molto; ora sudo anche all’ombra.

E soprattutto ora ho sempre le caviglie gonfie, anche d’inverno, e pesantezza alle gambe. Prima di scoprire in farmacia un ottimo (per me) medicinale, non sapevo più cosa fare. Acqua a go-go, integratori vari, massaggi… ma la situazione era davvero critica e anche poco estetica, perché le caviglie gonfie si notavano, così come i capillari, sempre più visibili. Poi, un giorno, sono andata a fare un massaggio, regalatomi da una cliente, da una estetista che mi ha consigliato di andare in farmacia e prendere un medicinale per caviglie gonfie e capillari. Ebbene, sono andata in farmacia e l’ho comprato e devo dire che è davvero miracoloso!

Un medicinale a base di Centella asiatica

Si chiama Centellase e rientra tra i farmaci utilizzati per le caviglie gonfie. È un medicinale a base di Centella asiatica (da Wikipedia), farmaco usato per proteggere le vene. È indicato per:

  • gonfiori alle caviglie e gambe dovuti a insufficienza venosa, sensazione di pesantezza alle gambe, formicolii e prurito alle gambe, crampi notturni alle gambe, capillari visibili;
  • fragilità dei vasi capillari.

Non è economico: 30 compresse costano infatti circa 15 euro. Però ho scoperto che on line, per esempio su Amicafarmacia.com si può trovare scontato e pagare circa 10 euro.

Caviglie gonfie: cause 

Le caviglie gonfie sono un problema piuttosto comune in età avanzata. Alla base c’è un accumulo di liquido dovuto alla ritenzione idrica che si genera per diversi motivi:

  • immobilità prolungata,
  • assunzione di farmaci,
  • azione degli ormoni (quindi anche gravidanza),
  • problemi di salute, in particolare a vene, cuore, reni e fegato,
  • peso eccessivo,
  • caldo estivo perché dilata il calibro dei vasi.

Caviglie gonfie: rimedi naturali

Quando si hanno le caviglie gonfie si può trovare sollievo anche in questi modi:

  • mantenendo le gambe sollevate mentre si è sdraiati, in quanto si favorisce il ritorno del sangue al cuore, contrastando così i gonfiori;
  • facendo movimento, in quanto stimola la circolazione;
  • adottando una sana alimentazione riducendo il contenuto di sale nella dieta, che permetta anche di mantenere o raggiungere un peso corretto;
  • indossando calze elastiche a compressione graduata, evitando indumenti troppo stretti e tacchi a spillo (leggi Stare con le infradito tutto l’anno non ha prezzo);
  • regalandosi periodicamente un massaggio che si può fare anche da soli, con movimenti rotatori delle dita dal basso verso l’alto, meglio se poi si utilizzano insieme creme specifiche per la circolazione.

Se questo post ti è piaciuto e ti è stato utile, condividilo!

Rispondo pubblicamente su:

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Instagram: daniela.larivei

Post del blog danielalarivei.com

(Foto cover di Pexels da Pixabay)