ridurre gli attacchi di emicrania

Come ridurre gli attacchi di emicrania

Chi mi conosce sa che soffro tantissimo di mal di testa. Secondo me ce l’avevo anche già quando ero nel liquido amniotico! Ne soffro talmente tanto che la Regione Lombardia mi ha riconosciuto l’invalidità civile in quanto questo disturbo, per fortuna e finalmente, è stato riconosciuto invalidante (se cronico, come nel mio caso). Nella mia vita ho provato di tutto, anche le profilassi, ma purtroppo senza esito positivo. Quindi cerco il più possibile almeno di prevenire e ridurre gli attacchi di emicrania. Ecco alcuni modi provati personalmente.

Come ridurre gli attacchi di emicrania

Stress, fattori ambientali, ritmo della vita frenetico e sempre più impegni possono inficiare la capacità mentale e la forma fisica per un abbassamento delle difese immunitarie.  Per ridurre gli attacchi di emicrania di sicuro è importante correggere lo stile di vita e l’alimentazione, ed eliminare il più possibile lo stress. E poi è  fondamentale trovare e fare cose che sappiamo ci fanno piacere. Nel mio caso, massaggi di ogni tipo, un buon riposo, dedicare tempo ai miei hobby (come sferruzzare), bere tisane, ridurre le ore a pc e smartphone.

“Il cervello continua a produrre cellule neuronali nuove anche in età adulta – spiega Giuseppe Maffi, biologo, esperto in nutrizione, ricercatore. -. Mantenere attivi i nostri spazi di relax, per esempio con esercizio fisico e hobby, permette al cervello di essere sempre stimolato e quindi di produrre nuove cellule. Lo stress si può allontanare con meditazione, rilassamento, musicoterapia che riducono le alterazioni della materia cerebrale. È molto importante poi il sonno perché la notte è quel momento in cui si resetta la giornata e si riorganizzano le connessioni tra i neuroni”.

Un integratore per il sistema nervoso

In ogni caso quando ho gli attacchi devo ricorrere a farmaci specifici per l’emicrania cioè i triptani, ottimi per il mal di testa forte come nel mio caso. Ultimamente ho trovato anche un integratore specifico per il sistema nervoso e lo sto provando. Certo non è la bacchetta magica ma una possibile soluzione come prevenzione dell’emicrania. Di mal di testa ed emicrania cronica ne morirò. Però intanto provo a ridurre gli attacchi, e il mese scorso sono passata da diciassette attacchi al mese a dieci, che per me, credimi, è un ottimo traguardo!

Lo sto assumendo da mesi (una compressa al giorno) e aiuta ad attenuare il mal di testa, smorza la sensibilità al rumore, elimina la nausea e migliora l’umore e la concentrazione.

In pratica è uno scudo difensivo dell’organismo. Grazie a un alto contenuto di sostanze preziose 100% naturali, derivanti maggiormente dagli estratti vegetali (estratto dalle radici della rodiola rosa, estratto dalle foglie di partenio
, riboflavina
, estratto dai semi di enotera):

  • stimola il funzionamento del sistema immunitario,
  • è un naturale alleato nella lotta contro i fattori ambientali negativi,
  • aumenta la capacità mentale,
  • migliora il funzionamento del sistema nervoso. 

Ha capsule Hpmc per vegani e vegetariani, verdi grazie al contenuto di clorofillina al 100%, a rilascio ritardato, con massima biodisponibilità (assimilabilità) dei principi attivi, con contenuto aggiuntivo di prebiotico (inulina); confezioni prive di BPA.

Si chiama ProMigren e lo trovi sul sito di DuoLife!

Rispondo pubblicamente su:

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Instagram: daniela.larivei

Post del blog danielalarivei.com

(Foto di Gerd Altmann da Pixabay)