Dove evitare il turismo di massa in Repubblica Dominicana

Dove evitare il turismo di massa in Repubblica Dominicana

Covid e smartworking hanno rivoluzionato il modo di pensare alle vacanze e al lavoro. La scorsa estate le case vacanza hanno, nei limiti del periodo storico che stiamo vivendo, riscosso successo segnando la strada a una nuova forma di turismo: quella delle case indipendenti e/o di vacanze socialmente più contenute. Questo vale non solo in Italia ma anche all’estero. Ecco quindi dove evitare il turismo di massa in Repubblica Dominicana

Dove evitare il turismo di massa in Repubblica Dominicana

In Repubblica Dominicana, per esempio, stanno nascendo splendidi ecolodge per poter  vivere un’esperienza 100% sostenibile e dove disconnettersi da tutto (e tutti). Immersi solo in contesti di rara bellezza tra foreste tropicali, fiumi, cascate, spiagge uniche, escursioni e sport. I numerosi eco-lodge (scoprili tutti nel post Repubblica Dominicana alternativa: ranchos e lodges) presenti in Repubblica Dominicana possono essere  una valida alternativa a spiagge affollate e resort di lusso. Soprattutto in questo particolare periodo. E ce n’è per tutti i gusti e tutti i luoghi, dal mare alla montagna…

Ecco, per esempio,  3 ecolodge nella zona sud ovest dell’isola caraibica.

1) PLATON ECOLODGE

Situato a Paraíso nel sud ovest della Repubblica Dominicana, nei pressi di Barahona, la struttura è 100% green per il sistema energetico, il risparmio idrico e il sistema di riciclo. È immerso in un contesto unico tra piscine, fiumi e cascate naturali nel selvaggio sud ovest dominicano (leggi anche Viaggio alla scoperta del sud dominicano). L’eco lodge  presenta diverse tipologie di cabañas posizionate tra gli alberi, con vista su cascate e piscine, e di lodge circondati dalla rigogliosa vegetazione. Costruite e decorate con diversi tipologie di legno, le abitazioni sono in totale armonia con il paesaggio permettendo ai suoni della natura di entrare all’interno per un’esperienza davvero immersiva. Oltre al relax assicurato, non manca la possibilità di fare nei dintorni anche attività sportive tra cui arrampicate, passeggiate a cavallo, divertimento lungo i corsi d’acqua.

2) CASA BONITA TROPICAL LODGE

Anche questo lodge si trova a Barahona. Si tratta di un vero e propio tesoro nascosto sempre nel selvaggio sud ovest che offre allo stesso tempo avventura e relax, in una lussureggiante vegetazione tropicale di palme. Le camere, progettate dall’architetto Rafael Selman e ispirate al mondo naturale, hanno tutte una vista impareggiabile sul mar dei Caraibi e sulle montagne della Sierra de Bahoruco. Inoltre, sono arredate in modo semplice, con il legno di palma e mobili di vimini, ma sono dotate di ogni comfort. Casa Bonita è anche il luogo ideale per interagire con la ricca biodiversità della regione e praticare svariate attività, tra cui zip line, sport acquatici, mountain bike e sessioni di yoga.

3) ECO DEL MAR

Un luogo lontano da tutto sull’estrema costa sud ovest dominicano: qui sì che ci si può disconnettere totalmente! Si tratta di un esclusivo lodge a Pedernales con sistemazioni in comode suite ecologiche o tende in riva al mare. Ed è punto di partenza delle barche per scoprire Bahía de las Águilas, una delle spiagge più belle e dalle acque cristalline del mondo. La struttura può ospitare fino a 80 persone distribuite in suite e tende di tre diverse tipologie: Vip, Standard e Family. In spiaggia sorge anche un bar e ristorante che al tramonto diventa un luogo magico. Grazie alla sua posizione strategica sulla spiaggia, Eco del mar è il posto perfetto per vivere il mare e praticare sport acquatici quali snorkeling, paddle surf, immersioni, kite surf, wind surf e pesca sportiva.

Acquista la mia guida reportage Repubblica Dominicana. Reportage e riflessioni tra Santo Domingo, Samana, Santiago e Barahona pubblicata da goWare

Guarda anche il mio canale YouTube dove ci sono video sulla Repubblica Dominicana.

Se mi vuoi contattare, qui trovi i miei contatti e segui le indicazioni!

Se questo post ti è piaciuto e ti è stato utile, condividilo!

(Foto Eco del Mar Barahona)