Cosa vedere a Gerusalemme in pellegrinaggio

Cosa vedere a Gerusalemme in pellegrinaggio

Era dicembre 2012 quando feci il mio pellegrinaggio in Terra Santa. C’era stato un nuovo attentato nella striscia di Gaza e se non fosse stato per me, che chiudevo il gruppo, il pellegrinaggio sarebbe saltato. Per evitare ciò, cioè per garantire il numero minimo di partecipanti, non mi venne applicato il supplemento singola. È stato uno dei miei viaggi più belli, che rifarei domani stesso. Non solo perché colmai molte delle mie lacune storico-religiose, ma anche perché quella terra ha davvero qualcosa di sacro e santo. E non puoi non sentirlo. Tra le tappe del pellegrinaggio, la capitale di Israele: ecco quindi cosa vedere a Gerusalemme in pellegrinaggio

Cosa vedere a Gerusalemme in pellegrinaggio

Tra i viaggi che amo fare, ci sono i pellegrinaggi. Sarà che sono una persona molto credente e sarà che in questi giorni sono stata costretta a letto da una brutta caduta dalla scala della metro, che ho deciso di parlare anche di pellegrinaggi nel mio blog. Partendo da quello in Terra Santa e con Gerusalemme, l’ombelico del mondo. Ecco cosa vedere a Gerusalemme in pellegrinaggio

I tre quartieri cristiano, ebraico e islamico

Gerusalemme è una città magica, perché l’atmosfera che si respira lì, non la si trova in nessun’altra città al mondo. Una delle città più famose del mondo dove migliaia di anni di storia gloriosa si incontrano con la vita moderna. Gerusalemme è il centro di tre principali religioni monoteiste del mondo occidentale, ovvero ebraismo, cristianesimo, islamismo. In particolare, da vivere sono:

  • il quartiere cristiano: si è sviluppato intorno alla Chiesa del Santo Sepolcro e comprende le ultime cinque Stazioni della Via Dolorosa (la strada segnata dalle 14 Stazioni della Croce che marcano il percorso compiuto da Gesù sulla sua via per il Calvario). Anche tutta l’area tra il Monte degli Ulivi e il Santo Sepolcro, il monte Sion e, per molte sette protestanti, la Tomba del Giardino, è di interesse per i cristiani;
Cosa vedere a Gerusalemme in pellegrinaggio

Io nella Chiesa del Santo Sepolcro

  • il quartiere musulmano, si trova nella zona nord orientale della Città Vecchia dove si erge la Cupola della Roccia. Secondo la tradizione musulmana, su una roccia al centro della moschea è rimasta impressa l’impronta del profeta Maometto, quando ascese al cielo sul suo destriero (da qui il suo nome). Ad animare il quartiere musulmano è il suo suq;
  • il quartiere ebraico, nella città Vecchia di Gerusalemme, insieme al Muro occidentale, il Muro esterno di uno dei lati del Secondo Tempio, noto come il Muro del Pianto; da visitare anche i tunnel sottostanti e la Città di David non appena fuori le mura della Città Vecchia.
Cosa vedere a Gerusalemme in pellegrinaggio

Il Muro del Pianto

I siti e i musei da visitare assolutamente in pellegrinaggio

A Gerusalemme ci sono 2.000 siti archeologici, più di 60 musei, e 30 festival annuali. Da visitare assolutamente durante il pellegrinaggio:

  • la Cattedrale di San Giacomo, una cattedrale appartenente alla chiesa apostolica armena situata nella città Vecchia di Gerusalemme che, secondo la tradizione armena, custodisce la testa di San Giacomo il Maggiore e le spoglie di San Giacomo il Minore;
  • il Cenacolo, ovvero la Stanza dell’Ultima Cena, situata su uno dei piani sopra il luogo della Tomba di Re Davide. È il luogo dove Gesù e i suoi discepoli condivisero l’ultima cena prima della crocifissione di Gesù, secondo la tradizione cristiana. Si dice che in quel sito accaddero altri e importanti avvenimenti come è scritto nel Nuovo Testamento, uno di questi fu l’apparizione di Gesù ai discepoli dopo la resurrezione. Il Cenacolo è anche un luogo perfetto per ammirare il panorama che si trova nei dintorni: la Basilica della Dormizione, le Mura della Città Vecchia, e il Monte degli Ulivi;
Cosa vedere a Gerusalemme in pellegrinaggio

Tomba di Re Davide

  • la chiesa del Pater Noster, una chiesa situata sul monte degli Ulivi dove viene commemorato l’insegnamento del Padre Nostro, prestato da Gesù ai suoi discepoli;
Cosa vedere a Gerusalemme in pellegrinaggio

Io dentro la Chiesa di Pater Noster

  • la Chiesa dell’Assunzione di Maria, posta ai piedi del Monte degli Ulivi;
  • lo Yad Vashem, il memoriale dedicato ai 6 milioni di ebrei uccisi nella Shoà della Seconda Guerra Mondiale;
  • il quartiere Mea Shearim dove abitano molti ebrei ultraortodossi della città;
  • il museo di Israele che ospita i Rotoli del Mar Morto provenienti dalle grotte di Qumran, uno dei più antichi manoscritti della Bibbia ebraica; all’interno del complesso in cui si trovano i Rotoli è presente anche un modello di Gerusalemme come doveva apparire 2000 anni fa secondo gli studiosi e i documenti storici, che viene costantemente aggiornato;
  • l’Ascensore del Tempo per una rappresentazione interattiva su Gerusalemme.

Una città molto moderna

Anche se Gerusalemme è considerata soprattutto come una città da visitare per la sua tradizione religiosa e per i suoi siti storici, negli ultimi anni ha sviluppato un’atmosfera molto moderna ricca di cultura, arte, musica e prelibatezze culinarie, festival internazionali ed eventi speciali.

Per vedere la città nel suo aspetto più moderno si devono visitare:

  • il Palazzo della Corte Suprema d’Israele;
  • il Parlamento (Knesset Israel);
  • il Museo della Storia della Città di Gerusalemme, situato all’interno di una fortezza  di 2000 anni;
  • la Torre di David, all’ingresso della Porta di Giaffa della Città Vecchia, che spiega la storia di Gerusalemme attraverso i secoli; e il suo spettacolo di suoni e luci, proiettato sulle pareti del cortile, è magnifico ed emozionante;
  • il centro commerciale Alrov Mamilla, che collega la parte nuova della città alla Porta di Giaffa: un concentrato di negozi di brand famosi, bar, eventi tutto l’anno;
  • la First Station, un centro all’aperto nei pressi della vecchia stazione ferroviaria dove poter mangiare, giocare e divertirsi.

Se questo post ti è piaciuto e ti è stato utile, condividilo!

Rispondo pubblicamente su:

Facebook: Daniela Larivei – Travel Pet (e se vuoi metti Mi piace!)

Instagram: daniela.larivei

Post del blog danielalarivei.com