Safari e trekking nel sud tunisino

Safari e trekking nel sud tunisino con partenze garantite

[themoneytizer id=16216-1]

Per fare il safari e trekking nel sud tunisino bisogna abbandonare gli itinerari più frequentati per accedere ai campi di rose di sabbia, alle greggi raccolte, attorno a punti d’acqua, alle montagne insabbiate o ai laghi di acqua calda scintillante in mezzo alla sabbia. Ecco che allora il Sahara tunisino richiama gli appassionati di orizzonti senza limiti ed escursionisti a lungo tragitto. Decine di rally sono stati organizzati nel deserto tunisino. Ti avevo già proposto il viaggio nella Tunisia del sud con questo post  Viaggio avventura in Tunisia nella terra dei nomadi, ma questo è più corto con partenza sempre garantita.

Safari e trekking nel sud tunisino con partenze garantite

Questo viaggio che prevede Safari e trekking nel sud tunisino proposto da una Dmc (agenzia) si svolge nelle date riportate alla fine del post. Si tratta di un viaggio molto richiesto, quindi è importante prenotare con largo anticipo. Ecco il programma.

Ti potrebbe interessare 5 ragioni per fare escursionismo in Tunisia.

1° giorno: arrivo a Djerba

Arrivo all’aeroporto di Djerba e trasferimento a Maison Leila (la puoi vedere nel mio profilo Instagram: daniela.larivei), cena e pernottamento.

2° giorno: Gli Ksour e Ksar Ghilane

Dopo colazione, partenza per affrontare il deserto tunisino in 4×4 con autisti esperti del territorio per attraversare il Ponte Romano che collega l’isola alla terra ferma. Proseguimento verso la zona berbera della Tunisia per scoprire i famosi Ksour (granai berberi dall’architettura unica). Visita di alcuni ksour molto affascinanti, del meraviglioso villaggio berbero di Chenini, esempio di mimetizzazione e strategia difensiva. Pranzo facoltativo in un ristorante ricavato in uno ksour e proseguimento tra vie sterrate fino a raggiungere la Pipeline (via del gasdotto che dall’Algeria attraversa la Tunisia) per arrivare a Ksar Ghilane. Si tratta della più meridionale e ultima di tutte le oasi situata sul Grande Erg orientale con le sue dune di sabbia soffici e color arancione. Sistemazione in un residence e possibilità di fare il bagno nelle piscina naturale alimentata da acqua termale calda proveniente dal sotto suolo. Cena nel simpatico e allegro ristorante del residence e pernottamento.

Oasi di ksar Ghilane: la più sahariana di tutte

Ai margini del deserto di sabbia, l’oasi di Ksar Ghilane è la più sahariana delle oasi tunisine. A chi fa trekking o agli escursionisti offre una sosta insolita con il suo vasto palmeto e i suoi sentieri ombrati da tamerici (da Wikipedia) che pullulano  di uccelli. Una sorgente termale alimenta un laghetto che invita a una nuotata rilassante. Bisogna immergersi in un mare di dune  per raggiungere alcune  antiche vestigia in pieno deserto: i resti di una fortezza romana che è stata testimone dei combattimenti della seconda guerra mondiale. A sud di Ksar Ghilane una pista larga conduce verso la città petrolifera di El Borma fra le maestose dune dalle tinte rosate.
Safari e trekking nel sud tunisino

3° giorno: Prima notte nel deserto!

Dopo la colazione possibilità (facoltativa) di recarsi al fortino romano di Tisavar su un promontorio che sovrasta le dune arancioni, in quad o a dorso di dromedario. Poi partenza per il grande safari. Con le nostre jeep e i nostri esperti del territorio, guide e nativi del deserto, ci inoltreremo nel cuore del grande Sahara alla scoperta degli ultimi uomini liberi, le tribù algerine rebbaya, attraversando luoghi diversi tra alte dune e steppe e orizzonti infiniti. Sosta per mangiare e arrivo vicino alle tribù, raccolta legna e costruzione del campo tendato. Dimostrazione di come si prepara il pane azzimo cotto sotto la sabbia e cena a base di specialità locali cucinate sul posto. Gli uomini della tribù verrano a farci visita e condivideranno il fuoco con gli uomini, le donne condivideranno la serata con le donne al campo nomade. Pernottamento sotto le stelle nelle tende. Dormire nel deserto in Tunisia ti assicuro che è libidinoso!

Per approfondire: 5 motivi per fare un viaggio nel deserto tunisino

Viaggio avventura in Tunisia nella terra dei nomadi

4° giorno: Trekking tra le dune di sabbia

Colazione al campo con pane caldo appena cotto e tempo libero per interagire con i Nomadi che escono al pascolo con capre e pecore. Quindi partenza per raggiungere la montagna del Gour el kleb, breve trekking tra le dune di sabbia fino alla vetta dalla quale si gode un panorama mozzafiato sul grande Sahara. Proseguimento verso Al Middah, luogo incredibile e di importanza vitale per la presenza di pozzi d’acqua dolce e fresca in mezzo al deserto più deserto! Sosta nel caravanserraglio per mangiare qualcosa e bere un tè nel deserto. Rientro al campo dove il fuoco e la cena ci attendono! Serata in compagnia dei Nomadi rebbaya e pernottamento sotto le stelle nelle tende per un’altra fantastica e romantica notte nel deserto della Tunisia.

5° giorno: Il Parco Nazionale di Jebil e Douz

Dopo la colazione al campo, partenza tra i territori del Parco Nazionale di Jebil, uno dei più grandi del Sahara magrebino! Visita del museo del Sahara e possibilità di ammirare le coppie delle grandi antilopi orici importantissime per il progetto di reinserimento di questa specie dichiarata estinta. Proseguimento fino a raggiungere il café du Park, una capanna luogo di ritrovo di tutti gli amanti del deserto e del sud tunisino, dove pranzeremo e berremo un buon tè. Proseguimento fino a raggiungere la famosa e unica cittadina di Douz, detta anche “le porte del Sahara”. Tempo libero nella piazzetta dell’epoca coloniale francese caratterizzata da tante piccole botteghe artigiane, dove, se lo si desidera, sarà possibile acquistare ricordi tipici del sud tunisino. Trasferimento in hotel 4 stelle molto confortevole, cena e pernottamento.

L’immensità del biondo deserto

Coperta da un sottile manto bianco come un paesaggio innevato, la regione di Douz offre il più dolce degli approcci al deserto. Cordoni di dune e graziosi gruppetti di palma costeggiano le strade invase dalla sabbia. L’immensità del biondo deserto è qui, a portata di mano. Douz è abitata dai Mrazig, popolo di pastori nomadi, che fino ai nostri giorni lasciano periodicamente le loro case per ritrovare la vita sotto la tenda. Nei dintorni di Douz i vasti palmeti di Kebili e Dguache offrono deliziose soste ombrose nelle foreste di palme da dattero. Mentre i villaggi insabbiati di Sabria, Noul, El Faouar e le loro piccole oasi sembrano persi tra il deserto di sabbia e una immensa distesa salata dai colori cangianti: il Chott El Jerid.

Punto di unione dei cammellieri

Douz è punto di unione dei nomadi cammellieri ed è rimasto un grande mercato per gli allevatori del sud e uno dei centri principali  delle tradizioni sahariane. Riti nuziali, corse di cani sloughis, giochi e fantasie, partenza di caravane… le cerimonie ancestrali  dimorano ancorate nel cuore degli abitanti. L’esperienza dei cammellieri di Douz si mette al servizio della loro passione facendo scoprire i segreti della natura e gli espedienti della vita nomade.

6° giorno: Matmata e le case troglodite

Proseguimento fino alle montagne di Matmata nella regione dei berberi trogloditi, chiamata anche “la luna” per via dei suoi paesaggi lunari. Matmata è conosciuta per le sue affascinanti abitazioni scavate sotto terra e per essere uno dei maggiori set della saga di “Guerre Stellari”. Si visiteranno:
  • un’abitazione abitata dai trogloditi dove degustar un ottimo tè e interagire con queste persone,
  • un albergo ricavato in una abitazione troglodita dove è possibile pranzare a base di specialità locali (facoltativo).

Proseguimento per Toujen, un villaggio detto “Il Presepe” e continuazione per arrivare a Djerba, cena e pernottamento.

Safari e trekking nel sud tunisino

7° giorno: Rientro in Italia (stanchi ma felici)

Dopo la piccola colazione, trasferimento all’aeroporto di Djerba, rientro in Italia. Ma non preoccuparti, sono sicura che tornerai perché Tunisia è semplicemente magica!

Safari e trekking nel sud tunisino: quanto costa

Questo tour in Tunisia in 4×4 per minimo 4 persone prevede un programma di 7 giorni. Il costo è di  699 € a persona; su base 5 persone 659 € tutto compreso esclusi i pranzi e le bevande (sono compresi solo i pranzi e le bevande dei 3 giorni/2 notti nel Sahara). Le partenze sono previste in un lasso di tempo che va dal 2 al 10 febbraio e poi dal 25 settembre.
Se sei interessato a un viaggio di questo tipo, compila il modulo qui sotto. Gli organizzatori saranno a tua disposizione per ogni approfondimento e necessità.

I dati personali forniti saranno trattati al solo fine di rispondere alla tua richiesta e per aggiornarti sugli ultimi post del mio blog, nel pieno rispetto di quanto descritto nella Privacy Policy. Inviando il presente modulo, confermo di aver preso visione dell’informativa.

Se questo post è stato utile e ti è piaciuto, condividilo!

Se mi vuoi contattare, qui trovi i miei contatti e segui le indicazioni!